Meteo: il primo weekend estivo fa la felicità di tanti bagnanti. Ma nelle città già scattano le prime criticità

Meteo

Meteo: lo avevamo annunciato nei giorni scorsi che sarebbe stato un fine settimana infuocato. E già da oggi in tante città italiane si registra una temperatura superiore ai trenta gradi. Con situazioni critiche soprattutto nelle città.

Se da un lato il primo weekend estivo fa la felicità dei bagnanti, non si può dire la stessa cosa delle persone che sono costrette a rimanere in città. Con situazioni critiche soprattutto per le fasce deboli. Anziani su tutti.

Tanti i sindaci che hanno sconsigliato proprio a queste persone di effettuare spostamenti soprattutto nelle ore più calde. Con il caldo e l’afa si inaugura ufficialmente la stagione estiva. Con il mese di luglio alle porte ed una situazione che sembra essere tornata alla normalità nella maggior parte delle città del paese.

–> Leggi anche Trump contro i social: “Intervenite sui post che incitano alla violenza”

Le città più calde nella giornata di domani saranno Bologna Brescia e Perugia

Meteo che non si è smentito. Infatti le previsioni dei giorni scorsi di temperature infuocate in questo weekend sono state rispettate. Con la colonnina del mercurio che sta facendo toccare numeri record in tante città.

Da Nord al Sud. Pericoli da evitare innanzitutto per le fasce protette che sono in primo luogo gli anziani. Ma anche malati donne in gravidanza e neonati. Insomma, si dovranno evitare le ore più calde della giornata.

Senza dimenticare che siamo ancora in un emergenza sanitaria che non va trascurata. Con tutte le misure di sicurezza che dovranno essere rispettate. Per non abbassare la guardia anche in un periodo dove il contagio resta molto basso.

Le tre città più calde in assoluto saranno nella giornata di domani Bologna Brescia e Perugia. Con il capoluogo emiliano che toccherà i 26 gradi.

–> Leggi anche Matrimoni, CEI: “Via le mascherine per gli sposi”

Meteo

Anche il governo ha mandato delle circolari ai comuni e alle regioni per far si che non si corrano dei rischi soprattutto per le fasce protette della popolazione.

–> Leggi anche  Coca-Cola boicotta Facebook: “Stop alla pubblicità per un mese”