Coronavirus: due studiosi hanno pubblicato un report che prova a mettere dei punti fermi sull’arrivo del virus in Italia

Coronavirus

Coronavirus: quando è arrivato di preciso nel nostro paese? Una data certa ad oggi non esiste. Con il famoso e ricercato paziente zero che difficilmente avrà un nome. Almeno in tempi brevi. Potrebbe essere chiunque ad aver introdotto il virus nei confini italiani.

Ma in quale periodo? Diciamo subito che la scienza nelle ultime settimane ha fatto passi da gigante in avanti. Arrivando a dire con certezza che già dal mese di gennaio c’erano tracce del SARS-CoV-2 nelle acque fognarie di Milano e Torino.

Andando molto indietro nel tempo rispetto a quel 21 febbraio con il paziente 1 di Codogno. Che poi si è scoperto che si trattava solo del paziente clinico numero uno. E che probabilmente indietro nel tempo tante polmoniti sospette erano invece da Covid-19.

–> Leggi anche Coronavirus, l’OMS avverte: “E’ come la Spagnola, che riprese a settembre”

Alessandra Benignetti e Andrea Indini hanno portato avanti un inchiesta su InsideOver, con importanti novità

Coronavirus arrivato in Italia prima della scoperta del paziente 1 di Codogno. Si va indietro nel tempo e si arriva al mese di gennaio. Con la mente che va in Baviera (dove si è registrato il passaggio di virus dal paziente 4 al 5 con il vasetto di sale) per arrivare al paziente zero.

Che probabilmente è arrivato in Italia per contagiare il nostro paziente zero. Massimiliano Galli però non sarebbe convinto di questo passaggio. Con i genomi tra il ceppo italiano e quello della Baviera che sarebbero diversi.

La disputa rimane aperta. Anche perché Alessandra Benignetti e Andrea Insini sono andati avanti nelle ricerche. Ed hanno intervistato alcuni dipendenti dell’azienda tedesca che sarebbe ‘responsabile’ di aver portato il virus in Italia.

Dalla Germania ovviamente negano qualsiasi viaggio o responsabilità. Anche se in questo caso potrebbe trattarsi anche di vacanza e non spostamenti per motivi lavorativi.

–> Leggi anche Autostrade Sicilia, 3 misure cautelari per appalti aggiudicati in cambio dell’assunzione di parenti

Coronavirus

E dalle varie domande è spuntata proprio una vacanza sulla neve da parte di un dipendente nel periodo specifico. Ma non si è riusciti a trovare ancora la località. 

–> Leggi anche Tutti contro Novak Djokovic: “Ha giocato con la salute di molte persone”