Novak Djokovic positivo al coronavirus: il campione del tennis ha scoperto di aver contratto il virus dopo un torneo

Novak Djokovic

Novak Djokovic è positivo al coronavirus! Il campione del tennis ha annunciato di aver contratto il virus dopo aver partecipato all’Adria Tour, un torneo da lui stesso organizzato in Serbia e Croazia.

Tante le critiche e le polemiche nei confronti del tennista che in piena pandemia si sarebbe assunto la responsabilità di far disputare il torneo. Con spettatori presenti sugli spalti senza nessuna misura di sicurezza.

Da quanto si apprende dai media croati e serbi adesso c’è un forte rischio che ci possa essere un vero e proprio focolaio, con già altri tennisti positivi insieme al campione serbo. Con preparatori e personale dello staff contagiati insieme agli atleti.

Al momento ancora non si può fare un bilancio esatto della situazione, anche se la paura è forte che si possa verificare un impennata delle positività nei prossimi giorni.

–> Leggi anche Coronavirus: il bollettino del 23 giugno: i dati aggiornati dalle Regioni

Il campione: “Sono molto dispiaciuto per ognuno di queste persone positive. Spero che non ci siano complicazioni”

Novak Djokovic: insieme al campione del tennis è positivo anche parte dello staff e degli organizzatori. Anche la moglie di Djokovic, Jelena, è positiva, negativi i figli. Molto dispiacere per il campione che conferma che solo lui e la moglie sono positivi.

Adesso bisognerà attendere gli sviluppi del possibile contagio, con la speranza che il numero non possa alzarsi in modo esponenziale. Le autorità croate e serbe sono in apprensione e cercano di tenere sotto controllo la situazione.

Nei due paesi non c’erano particolari criticità. Anche nei Balcani infatti sembrava che si stesse andando verso la fase finale dell’emergenza. Ma questo evento rischia adesso di mettere a repentaglio tutto quello fatto di buono ad oggi.

–> Leggi anche Napoli: bullizzata da amici perché obesa, 12enne finisce in ospedale

Novak Djokovic

Per questo il campione spera che non ci siano criticità. Si dice dispiaciuto per ognuno dei contagiati. E spera che non ci siano complicazioni per nessuno.

–> Leggi anche Coronavirus e uso degli integratori: sono efficaci? L’ISS fa chiarezza