Se vi piace molto pizza ma ogni volta che la mangiate vi fa venire una gran sete, sappiate che non siete soli e ora scopriamo anche il perché

Pizza perché fa venire sete colpevoli si nascondono nell'impasto
(foto dal web)

La pizza è un alimento amatissimo da moltissimi italiani. Si tratta non solo di un cibo veloce e decisamente gustoso, ma anche pieno di carboidrati e acidi grassi insaturi favorendo il senso di sazietà, migliorando la circolazione e aiutando a far scendere i livelli di colesterolo cattivo.

Inoltre è un passo che consente di acquisire un elevato numero di calcio, ferro e vitamine C, D, E e K. Alcuni però decidono di mangiarla raramente o addirittura di rinunciarci del tutto. C’è chi evita la pizza per difficoltà nella digestione, altri invece perché fa venire sete. Se fate parte di questa seconda categoria, sappiate che state leggendo l’articolo giusto. La pizza provoca sete perché al suo interno vi è molto sale.

LEGGI ANCHE —> Pizza napoletana, come preparare l’impasto: ricetta originale

LEGGI ANCHE —> La pizza si può mangiare anche se si è a dieta.

Pizza, perché fa venire sete e cosa fare per evitare questo inconveniente

Pizza perché fa venire sete colpevoli si nascondono nell'impasto
(foto dal web)

Infatti, nonostante nell’impasto ne sia richiesto poco, questo quantitativo si aggiunge a quello contenuto nella mozzarella e nella passata di pomodoro, condimenti principali in diverse varianti. Inoltre la sete sarebbe stimolata anche dalla scarsa lievitazione. Per via di questo fatto, l’impasto non lievitato continuerà a lievitarsi nello stomaco provocando ulteriore sete. Quindi cosa fare per evitare la sete dopo la pizza?

Ad esempio potremmo decidere di mangiare pizze che siano condite con verdure. Queste ultime hanno al loro interno potassio che ostacolano gli inconvenienti del sodio. Oppure potremmo accompagnare la pizza a dell’acqua minerale naturale evitando alcolici o bevande gassate. Se invece la prepariamo noi stessi, stiamo molto attenti alla lievitazione usando ingredienti freschi e dosando con cura il sale. Infine occhio a quando la cuociamo, stando attenti alla temperatura che deve sempre essere di almeno 250 gradi.