La leggenda del biliardo Willie Thorne è morto a 66 anni dopo una breve battaglia contro la leucemia, combattuta con la chemioterapia, diagnosticatagli solo qualche mese fa.

Willie Thorne


L’ex numero 7 del mondo era entrato in coma nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Torrevieja, in Spagna, a seguito di un’insufficienza respiratoria, questa domenica.

A Thorne era stata diagnosticata la leucemia già a marzo e da allora aveva avuto diversi problemi di salute, sottoponendosi a chemioterapia mentre risiedeva nel suo appartamento in affitto ad Alicante. Ha dovuto sottoporsi a tre trasfusioni di sangue dopo la diagnosi iniziale, prima di tornare in ospedale a maggio per un controllo cardiaco e una risonanza magnetica.

Il suo ultimo ricovero in ospedale è avvenuto in seguito a un calo della pressione sanguigna a livelli pericolosamente bassi, con il personale medico che ha deciso di metterlo in coma indotto.

Nonostante sia stato attaccato ad un ventilatore, purtroppo è morto nelle prime ore del mercoledì mattina.

Un messaggio sulla sua pagina GoFundMe recita: “È con il cuore pesante e spezzato che devo annunciare ufficialmente che all’1.55 di questa mattina Willie Thorne ha perso la sua battaglia ed è morto!”

Willie è andato in shock settico e non rispondeva ad alcun trattamento, così l’ospedale ha deciso di spegnere le macchine. Sono stato con lui fino alla fine e gli ho letto i messaggi di affetto delle persone.”

È morto molto serenamente e senza dolore ascoltando i suoi figli che gli dicevano di amarlo e questo mi dà un po’ di conforto in questo momento difficile.”

“Qui in Spagna tutto avviene molto rapidamente, quindi oggi io e la sua famiglia faremo dei progetti e vi informeremo di conseguenza!”

“Mi ha deluso un po’ il comportamento di quelle persone che twittavano che era morto quando invece era ancora vivo e tra noi!”

“Immagino che questa sia la vita delle celebrità…”

“Grazie mille a tutti coloro che sono stati coinvolti nella cura di Willies siete stati tutti assolutamente straordinari e Willie non avrebbe potuto chiedere di meglio

“Grazie per tutte le donazioni che gli hanno permesso di ottenere le cure di cui aveva bisogno! Queste ora pagheranno il suo funerale.

“Grazie per tutti gli auguri e i bellissimi messaggi di sostegno”.

Grandi nomi del mondo del biliardo e non solo hanno twittato i loro omaggi a Thorne.

Gary Lineker, ha postato: “Profondamente, profondamente rattristato nel sentire che il mio amico Willie Thorne è morto. Uno dei grandi personaggi della vita.

“Un meraviglioso giocatore di biliardo e un uomo adorabile, che ha imbucato la sua pallina nera troppo presto. RIP Willie”.

L’ex campione del mondo, Neil Robertson, ha detto: “E’ così triste sentire della scomparsa di Willie Thorne. Uno dei giochi grandi personaggi e mancherà molto. RIP“.

Thorne ha avuto una carriera di successo nel biliardo come giocatore dopo essere diventato professionista nel 1975.

Ha vinto 14 titoli mondiali, e ha raggiunto la finale del Campionato del Regno Unito nel 1985, perdendo contro Steve Davis.

Soprannominato Mr. Maximum – per aver detenuto il record di massimo 147 break – ha raggiunto anche i quarti di finale dei campionati del mondo sia nel 1982 che nel 1987; le sue migliori prestazioni nel torneo.

Probabilmente il suo momento migliore è arrivato nella finale del The Classic nel 1985, dove ha battuto Cliff Thorburn dove ha vinto il suo unico torneo classificato.