L’AD di Instagram ha dichiarato che il social comincerà a prendere provvedimenti riguardo ad una migliore permanenza della comunità nera a seguito delle rivolte del movimento Black Lives Matter.

instagram


L’amministratore delegato di Instagram, Adam Mosseri, ha dichiarato ieri che la piattaforma sta prendendo provvedimenti per “sostenere meglio la comunità nera” e rivedrà come raccomanda i contenuti e si occupa di molestie e verifiche. Mosseri non ha fornito informazioni specifiche su cosa farà l’applicazione per la condivisione di foto di Facebook, ma ha delineato alcune aree chiave in cui Instagram ha sentito lamentele da parte degli utenti neri a causa dei pregiudizi.

L’ironia che siamo una piattaforma che vorrebbe elevare le voci dei neri, ma allo stesso tempo le persone di colore sono spesso molestate e non sono d’accordo con molti contenuti che vengono eliminati, non mi sfugge“, ha detto Mosseri in una dichiarazione.

Mosseri ha detto che Instagram sta “sentendo la preoccupazione” se dovesse sopprimere le voci dei neri e trattare tutti allo stesso modo nei suoi prodotti e nelle sue politiche. “Questo è un momento in cui le persone in tutto il mondo chiedono giustamente azioni piuttosto che parole, e noi dobbiamo lo stesso alla nostra comunità“.

Ha detto che l’azienda si concentrerà su quattro aree: molestie, verifica, distribuzione e polarizzazione algoritmica. Per affrontare le molestie, Mosseri ha detto che l’azienda si occuperà di problemi specifici di sicurezza che gli utenti neri sperimentano dentro e fuori Instagram e di come può proteggere le persone da tali problemi. Esaminerà anche se i criteri che utilizza per verificare gli utenti di Instagram sono inclusivi, dal momento che ha ricevuto domande sul fatto che tale processo favorisca determinati gruppi.

Instagram esaminerà anche il modo in cui il suo contenuto viene filtrato per vedere se ci sono dei pregiudizi, e sarà più trasparente su come distribuisce i messaggi delle persone. Inoltre, “esaminerà con maggiore attenzione” se le distorsioni algoritmiche hanno un effetto sul suo processo decisionale.

Mosseri ha detto che Instagram esaminerà anche come sta servendo bene altri gruppi sottorappresentati. “Il nostro obiettivo è che Instagram sia un luogo dove tutti si sentano sicuri, sostenuti e liberi di esprimersi, e spero che questo lavoro ci porti più vicini a questo obiettivo”, ha detto.