Apple ha aggiornato le immagini satellitari nella sua app per le mappe per includere il nuovo murale ‘Black Lives Matter’ di Washington DC.

george floyd murale

Il murale occupa due isolati della 16esima strada vicino alla Casa Bianca, da quando il sindaco di Washington DC, Muriel Bowser, l’ha ribattezzato Black Lives Matter Plaza.

In particolare, Apple sembra aver ritoccato le immagini satellitari esistenti per mostrare il nuovo murale, lasciando l’area circostante così com’era, come ha notato l’investigatore Jane Manchun Wong. Questo suggerisce un aggiornamento veloce al di fuori dei normali cicli di aggiornamento.

Google Maps mostra la piazza rinominata, ma non il nuovo murale nelle immagini satellitari.

Il murale è stato rivelato venerdì come un messaggio di sostegno e solidarietà per gli americani che stavano protestando contro la brutalità della polizia dopo la morte di George Floyd a Minneapolis. E’ anche un gesto altamente provocatorio da parte del sindaco Bowser nei confronti del presidente Trump, che ha discusso con il sindaco sul modo migliore di rispondere ai manifestanti.

Il murale termina alla St. John’s Episcopal Church, dove Trump si è fatto fotografare con in mano una bibbia, subito dopo che gli agenti hanno sgomberato con la forza i manifestanti pacifici, compresi i sacerdoti di St. John’s, usando gas lacrimogeni e scudi anti-sommossa.

Il murale è stato descritto come “una potente opera d’arte” dal rappresentante degli Stati Uniti John Lewis. L’ottantenne icona dei diritti civili ha detto di essere talmente commosso che “voleva vederlo di persona“, riferisce la CNN, nonostante il suo cancro al quarto stadio.