Coronavirus, il noto virologo Fabrizio Pregliasco non ha dubbi: elementi analizzati spingono a dare buone notizie

Coronavirus

Coronavirus: continuano a migliorare i dati in tutta Italia. Con il bollettino di oggi che mostra ancora un calo di contagi e di decessi in molte regioni. Si ha la sensazione che si possa essere arrivati alla coda dell’epidemia.

Dopo tre mesi difficili l’Italia prova a ripartire e a mettersi alle spalle un periodo terribile. Il peggiore dal dopoguerra ad oggi. Ma adesso, oltre ai numeri in calo, ci sono anche i commenti di virologi e specialisti che parlano di fase calante.

Il dibattito che si è sviluppato negli ultimi giorni è incentrato sulla questione principale: il virus ha perso consistenza e virulenza o no? La maggioranza degli esperti si schiera verso questa teoria. Con il conforto dei numeri che danno speranza.

Poi ci sono gli esperti che seppur nell’ottimismo mantengono la calma non cedendo a facili euforie. Il noto virologo Fabrizio Pregliaso si sente di poter dare delle buone notizie agli italiani.

–> Leggi anche Coronavirus e bassa mortalità nelle donne: dagli Usa arriva la spiegazione

Il virologo dell’Università degli Studi di Milano conferma le sue buone sensazioni sulla fine dell’emergenza

Coronavirus e fine dell’emergenza in Italia? Per il virologo dell’Università degli Studi di Milano Fabrizio Pregliasco la situazione è in netto miglioramento. Arrivando a confermare quello che già tanti esperti hanno evidenziato.

Analizzando i dati il virologo conferma che ad oggi “Resta acceso un piccolo e modesto fuocherello. Ma la situazione va verso la risoluzione”. Una notizia che conferma l’andamento della curva epidemiologica nel nostro paese. E che induce all’ottimismo.

Anche se nella giornata di oggi sono stati effettuati meno tamponi nella regione più colpita, Pregliasco nota che la crescita non è evidente come si possa immaginare. E che quindi la Lombardia sta reggendo pur nella sua gravità che rimane.

–> Leggi anche Coronavirus: il bollettino del 4 giugno: i dati aggiornati dalle regioni

Coronavirus

I numeri di Milano Brescia e Bergamo confermano la sua teoria. Che porta probabilmente l’Italia alla fine di un incubo durato tre mesi.

–> Leggi anche Coronavirus: quali rischi ci sono in spiaggia? Le raccomandazioni dall’ISS