Coronavirus: 21enne positivo, ma asintomatico, va a lavoro per non perdere il posto. E’ accaduto a Bari

Coronavirus: si reca a lavoro in un ristorante pur essendo positivo al tampone per non perdere il posto. Accade a Bari e viene denunciato per violazione dell’obbligo di quarantena e norme anti Covid-19.

Comportamento sconsiderato del 21enne che per paura di perdere l’impiego presso un ristorante, omette la sua positività. Scoperto, ha confessato la sua paura di rimanere senza occupazione.

Sarebbe stato questo il motivo che avrebbe portato a nascondere la sua positività. Un comportamento assurdo, che potrebbe mettere in pericolo altre persone. Sia i colleghi di lavoro, ma anche tutte le altre persone venute a contatto con lui.

A dare l’assurda notizia è La Repubblica, che racconta i particolari della vicenda. L’ennesima che purtroppo riguarda un positivo che viola gli obblighi di quarantena.

–> Leggi anche Coronavirus, Boccia: “Domani riapriamo le regioni, ce l’abbiamo fatta”

Il giovane si trovava in quarantena insieme ad altri nove familiari. Al controllo delle forze dell’ordine non era a casa

Coronavirus: il 21enne di Bari ha violato l’obbligo di quarantena. Era il isolamento domiciliare dal 29 maggio. Positivo insieme ad altri nove familiari. Al controllo effettuato da parte della Guardia di Finanza, il giovane non è risultato a casa.

Dalle ricerche si è scoperto poi che il giovane si trovava a lavoro al ristorante. Nessuno dei suoi colleghi, compreso il suo titolare, era a conoscenza della sua positività. E al momento nessuno di loro mostra sintomi di contagio.

Il giovane è asintomatico, e potrebbe aver contagiato chiunque sia stato a contatto con lui. Da quanto raccontato, dalle mansione che svolgeva non era a contatto con i clienti del ristorante.

Adesso rischiano la quarantena di 15 giorni tutti i dipendenti del ristorante che potrebbe essere chiuso con l’obbligo di sterilizzazione del locale. La decisione spetterà all’Asl che deciderà nelle prossime ore.

–> Leggi anche Coronavirus, il bollettino del 2 giugno: tutti i numeri dalle regioni

Intanto il giovane è stato denunciato dalle forze dell’ordine e rischia anche una sanzione penale per il suo comportamento irresponsabile.

–> Leggi anche Coronavirus: “La CE aveva lanciato l’allarme, ma nessuno ha ascoltato”