Coronavirus: nel lockdown in Italia diminuiti i fumatori, ma allo stesso tempo è aumentato il consumo di sigarette

Coronavirus

Coronavirus: in Italia si registrano meno fumatori, ma aumenta il consumo delle sigarette. Il periodo di riferimento è quello del lockdown. Lo studio del Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità è stato illustrato in occasione della Giornata Mondiale senza Tabacco.

In Italia durante il periodo del lockdown molti fumatori hanno deciso di smettere. Prendendo al volo l’occasione per dare un taglio ad un vizio molto dannoso per la salute. Dall’ISS infatti fanno sapere che molto spesso comportamenti positivi si verificano proprio da eventi negativi e criticità.

Il dato però è positivo solo a metà. Perché se è vero che ci sono stati tanti fumatori pentiti, si registra nello stesso periodo anche un aumento del consumo di sigarette. Insomma, chi ha deciso di continuare, ha aumentato la percentuale di sigarette fumate.

–> Leggi anche Fase 2 nel vivo: cosa si potrà fare e cosa no a partire dal 3 giugno

Nel lockdown aumentato anche il consumo di tabacco riscaldato e di sigaretta elettronica

Coronavirus e fumo, impatti sulle abitudini delle persone nel lockdown. Che un effetto positivo lo ha fatto registrare. Ossia quello della diminuzione dei fumatori. Però come detto è aumentata la soglia delle sigarette fumate al giorno.

Si è passati infatti da 10,9 a 12,7, con un incremento del 9,1%. La quota dei fumatori invece è scesa dal 23,3% al 21,9%, con un -1,4%. Si parla di circa 630mila fumatori in meno e nello specifico di 334mila uomini e di 295mila donne.

Lo studio nello specifico riesce a calcolare le fasce d’età e i rispettivi fumatori nel periodo di riferimento. Sono 206mila da 18 a 34 anni; 270mila da 35 a 54 anni; 150mila da 55 a 74 anni.

Numeri indicativi che riportano anche il dato del 3,5% dei fumatori che non ha smesso del tutto con la sigaretta. Ma che ha ridotto sensibilmente il consumo giornaliero scendendo sotto la soglie delle 10 sigarette.

–> Leggi anche Coronavirus, riparte anche la Formula 1: il via a luglio, tutte le date

Coronavirus

Contestualmente, nel periodo di lockdown sono aumentati i consumi anche di tabacco riscaldato e di sigaretta elettronica. 

–> Leggi anche Coronavirus, bollettino del 30 maggio: i dati aggiornati delle Regioni