Coronavirus e sport: riprende a luglio anche la Formula 1, con il doppio Gran Premio a Spielberg, in Austria

Coronavirus

Coronavirus e sport che riprendono. Pronta a riaccendere i motori la Formula 1, che riparte dall’Austria. In programma infatti il doppio Gran Premio di Spielberg. Il primo è in programma il 5 luglio, il secondo il 12.

Per la prima volta nella storia si avranno due gare nello stesso circuito. E per di più con gare consecutive. Il Mondiale numero 71 della storia comincia con delle novità, dettate principalmente dalla pandemia mondiale.

Il governo austriaco ha dato l’ok allo svolgimento delle corse ma con norme stringenti. Zero pubblico e test a tutti i componenti delle scuderie al momento dell’arrivo nel paese europeo.

Con il mondiale di F1 si da il via alla prima manifestazione internazionale dallo scoppio dell’emergenza. Nei prossimi giorni sarà ufficializzato il calendario di tutte le gare, con la Fia che spera di poter arrivare ai 15 appuntamenti.

–> Leggi anche Coronavirus, bollettino del 30 maggio: i dati aggiornati delle Regioni

Previsti due Gran Premi anche a Silverstone il 26 luglio e il 2 agosto. Il 6 settembre l’appuntamento di Monza

Coronavirus e Formula 1 che riparte! Il calendario ufficiale sarà ufficializzato solo nei prossimi giorni. Tanto dipenderà anche dalle situazioni dei vari paesi che stanno combattendo con l’emergenza.

Dagli appunti ufficiosi si parla di GP di Abu Dhabi negli Emirati a dicembre. Anche questo appuntamento potrebbe svolgersi senza pubblico. Si dovrebbero svolgere due Gp anche a Silverstone. Ma come detto tanto dipenderà dalle condizioni della GB.

Le date dovrebbero essere consecutive anche in questo caso: 26 luglio e 2 agosto. Il 6 settembre sarà la volta del GP d’Italia di Monza. Poi in ordine sparso: 4 ottobre in Cina  a Shanghai, 25 novembre in Usa.

E ancora: 1 novembre in Messico e 8 novembre in Brasile. Sale l’attesa degli appassionati che speravano in una decisione del genere per uno sport che non avendo il contatto fisico tra piloti sembra davvero a zero rischi.

–> Leggi anche Piero Chiambretti compie 64 anni: “Messo alle spalle in periodo terribile”

Coronavirus

Se si considera che sono ripartiti i campionati di calcio, sembrava abbastanza paradossale il ritardo della Formula 1 che su questo aspetto è molto più sicura. 

–> Leggi anche Coronavirus, Ricciardi: “In Lombardia era meglio aspettare per riaprire”