Il canadese Elliot Berinstein ha trovato molto divertente la consegna tardiva del suo pacco e ha condiviso il bizzarro evento su Reddit – si era completamente dimenticato dell’ordine.

well ca


Un tizio ha ricevuto una bizzarra notizia dal passato questo mese, dopo che una confezione di gel per capelli che aveva ordinato otto anni fa è finalmente arrivata durante il blocco del coronavirus.

Elliot Berinstein, residente a Toronto, ha detto di essere rimasto inizialmente sbalordito quando ha trovato il pacco di Well.ca sulla sua porta di casa, dato che non aveva ordinato nulla dalla compagnia per anni.

Ma, quando l’ha aperto, tutto ha cominciato ad avere un senso.

Il signor Berinstein ha detto: “L’ho aperto e dentro c’era una fattura del 2012 ed era un tubo di Brylcream che avevo ordinato nel 2012.

“Ho iniziato a ridere perché pensavo fosse divertente che arrivasse otto anni dopo”.

Quando ordinò per la prima volta il gel per capelli, il signor Berinstein viveva a centinaia di chilometri di distanza a Ottawa.

Dopo essersi trasferito a Toronto, ha contattato Well.ca e ha chiesto se il prodotto poteva essere spedito al suo nuovo indirizzo.

Il signor Berinstein ha aggiunto: “Non sono più tornato e mi sono detto: ‘OK, non vale la pena di farmi venire il mal di testa’, così me ne sono dimenticato”.

L’uomo ha dichiarato che dato che aveva speso solo 5 dollari (meno di 3 euro), non è stato un grosso problema da inseguire.

Ma il Canada Post ha detto ai media nazionali che avrebbero indagato ulteriormente sulla questione.

In una dichiarazione ha detto: “Questa è certamente una situazione unica e a questo punto possiamo solo speculare su ciò che può essere successo“.

Mentre Berinstein ha trovato divertente che la consegna fosse giunta dopo tutto questo tempo , e condivideva un’immagine della fattura 2012 su Reddit, con suo grande disappunto era inutilizzabile.

Ha detto:Quando l’ho aperta era di un giallo brillante, non l’avevo mai usata prima. Quando l’ho cercata su Google, sembrava che dovesse essere bianca, quindi non l’ho provata”.