Il presentatore e attore italiano Claudio Bisio, in un’ intervista al “Corriere della Sera” ha confessato che la madre è morta a causa del Coronavirus.

Claudio Bisio "Mia madre morta a causa del Coronavirus"
Claudio Bisio confessa che la madre è morta durante la quarantena

Claudio Bisio, intervistato dal “Corriere delle Sera” ha confessato di aver passato un periodo molto difficile durante la quarantena.

LEGGI ANCHE—>CORONAVIRUS, DONNA INCINTA RIENTRA IN ITALIA: POSITIVA, E’ GRAVE IN OSPEDALE

Infatti, la madre, ultra 90enne, è venuta a mancare e secondo il presentatore e attore, a causa del Coronavirus.“Per me la pandemia è stato un momento duro, perché il 4 aprile è mancata mia mamma. Aveva più di 90 anni e non sapremo mai le cause della morte. Non sappiamo se c’entrasse il Covid oppure no”.

Claudio Bisio ha dovuto affrontare il lutto della madre durante la quarantena

Ha aggiunto “Con mia sorella abbiamo deciso di tenerla a casa e non farla morire in ospedale. È stata durissima, non abbiamo ancora fatto il funerale. Dunque io come tanti altri conoscenti, amici, medici, ho davvero toccato con mano quanto sia stato tremendo questo periodo di Coronavirus”.

Tra pochi giorni tornerà a condurre Zelig, accanto a Vanessa Incontrada. Verrà trasmessa dalla piattaforma NatLive e inizierà alle 18 per finire intorno a mezzanotte.

LEGGI ANCHE—>CORONAVIRUS, LOPALCO: “C’E’ UNA SPERANZA CONCRETA DAI TEST SU UN VACCINO”

Ci sarà probabilmente, uno spazio per ricordare John Peter Sloan, comico brittanico che proprio a Zelig insegnava con ironia l’inglese, morto a 51 anni in questi giorni.

Lo stesse Bisio spiega “Io sarò allo Zelig di Milano da solo, senza pubblico e questo non aiuta. Sarà brutto vedere i tavolini vuoti, ma del resto è il virus che è brutto.

Claudio Bisio "Mia madre morta a causa del Coronavirus"
Vanessa Incontrada affiancherà Claudio Bisio nella puntata di Zelig

Vanessa è a casa sua a Follonica, non può venire a Milano: condurremo insieme a distanza di 400 km, così almeno non c’è neppure la tentazione di sbaciucchiarci. Speriamo solo che la tecnologia ci aiuti”.