Coronavirus: uno studio dell’Università di Singapore da date certe per la fine della pandemia in tutti i paesi colpiti

Coronavirus

Coronavirus e date possibili per la fine della pandemia nel mondo. Scienziati ed esperti sono alla ricerca di farmaci efficaci e di un vaccino che possa porre fine all’emergenza che ha colpito tanti paesi, a partire dalla Cina.

Nella città di Wuhan il virus ha contagiato l’uomo e ha cominciato a diffondersi con una rapidità impressionante in tanti paesi. L’Europa ha pagato e sta pagando un prezzo ampio in questa pandemia che non riesce a fermarsi.

In molti paesi la situazione è in netto miglioramento, l’Italia ed altri paesi europei sembrano sulla buona strada verso la fine di quella che potrebbe essere la prima ondata. Situazioni difficili ancora in Usa e in Brasile con migliaia di morti al giorno.

Ma uno studio dell’Università di Singapore propone le date della fine della pandemia nel mondo. Che potrà avvenire anche prima di un farmaco o di un vaccino.

–> Leggi anche Coronavirus, ragazzo positivo esce per una serata di movida: denunciato

In Italia l’emergenza finirà ad agosto, in Gran Bretagna a fine settembre. Negli Usa a novembre. Tutte le date

Coronavirus: l’equipe dell’Università di Singapore è convinta che si possano avere delle date certe per arrivare alla fine dell’emergenza nei vari paesi. Ad oggi, e grazie a degli studi analitici sui contagi, ci sono date paese per paese.

Ovviamente la situazione potrebbe cambiare nel caso i numeri delle prossime settimane dovrebbero salire o diminuire drasticamente nei vari paesi presi in considerazione nell’analisi. Con questo andamento gli studiosi sono certi di non fallire.

Si parte ovviamente dal nostro paese, che dovrebbe vivere secondo gli esperti di Singapore la fine dell’emergenza il 12 agosto. Con il mese delle vacanze per eccellenza che potrebbe rappresentare la fine di quella che viene considerata come la prima ondata.

–> Leggi anche Coronavirus, cliente malato gli sputa addosso: tassista si ammala e muore

Coronavirus

Altri esempi, c’è la data della Gran Bretagna che è quella del 30 settembre. Oltre un mese dopo l’Italia. Ancora più tardi agli Usa che ne uscirebbero l’11 novembre.

–> Leggi anche Coronavirus, bollettino dalle regioni: trend buono, contagi in calo ovunque