La strada per uscire dal tunnel della pandemia di coronavirus è ancora lunga: 106 mila contagiati nelle ultime 24 ore a livello globale

"Record di contagiati dal covid in 24 ore: 106 mila!"
“Record di contagiati dal covid in 24 ore: 106 mila!”

Sono quasi 5 milioni i contagiati dal nuovo coronavirus a livello globale anche per effetto del nuovo record giornaliero di positivi: “Nelle ultime 24 ore sono stati riportati all’Organizzazione Mondiale della Sanità 106.000 nuovi casi di coronavirus, il dato più alto in un giorno da quando è iniziata la pandemia. Quasi due terzi di questi sono stati registrati in soli quattro Paesi”. Così il Direttore Generale dell’OMS, Ghebreyesus, nel quotidiano briefing con la stampa, ribadendo che “la strada è ancora lunga“. “Non è stato ancora provato che l‘idrossiclorochina sia efficace contro il letale virus cinese. Ci sono invece diversi studi che mettono in guardia sugli effetti collaterali“, ha invece spiegato il dr.Ryan, Responsabile delle emergenze sanitarie.

LEGGI ANCHE –> Bufera giudiziaria sulla sanità siciliana: arrestato manager anti-covid

Organizzazione Mondiale della Sanità: “Record di positivi al covid in 24 ore: 106 mila!”. In Svezia il più alto numero di morti

La Svezia, che è andata controcorrente non adottando stringenti misure di contenimento della diffusione del coronavirus, come il lockdown e la quarantena, ma puntando sul senso civico e di responsabilità dei cittadini, ha superato la Gran Bretagna, l’Italia e il Belgio registrando il più alto tasso di mortalità pro capite per coronavirus nel mondo. Lo riferisce il Daily Telegraph online citando i dati raccolti dal sito web “Our World in Data“, secondo cui la Svezia ha avuto 6,08 decessi per milione di abitanti al giorno nell’ultima settimana censita, quella tra il 13 e il 20 maggio. Questo, secondo la stessa fonte, è il più alto del mondo, maggiore di quelli del Regno Unito, del Belgio e degli Usa che hanno rispettivamente 5,57, 4,28 e 4,11 morti per milione di abitanti.

LEGGI ANCHE –> Fase 2, Conte alle Camere: “Non è tempo di party, movida e assembramenti”