Coronavirus: notizie confortanti per la cura con il farmaco Tocilizumab che viene somministrato ai pazienti gravi

Coronavirus

Coronavirus e cura Ascierto che da risultati davvero molto positivi. Da mesi abbiamo parlato del farmaco anti artrite Tocilizumab, che in via sperimentale era stato somministrato a dei pazienti gravi in terapia intensiva.

I risultati sin dall’inizio erano stati considerati molto positivi. Tanto che l’Agenzia Italiana del Farmaco lo ha rinominato chiamandolo Tocivid19. Dando poi l’assenso alla sperimentazione con l’utilizzo del farmaco (già presente sul mercato) solo su pazienti gravi.

Come detto sin dall’inizio i risultati sono stati incoraggianti. Con il progressivo miglioramento delle condizioni di salute di alcuni pazienti che nel giro di poche ore dalla somministrazione hanno fatto registrare miglioramenti sensibili.

Arrivando anche alla guarigione e alle dimissioni dall’ospedale. Il 60% dei pazienti è stato trattato con il Tocilizumab, con la sperimentazione che è continuata con numeri consistenti.

–> Leggi anche Coronavirus: “A Brescia c’era già da ottobre. Il prossimo autunno tornerà”

I dati sono evidenti. Analizzando il tasso di letalità dei pazienti gravi si scoprono numeri molto incoraggianti

Coronavirus: la cura del dottor Ascierto funziona! Con un numero sempre maggiore di pazienti che è stato curato con il Tocilizumab. Tanto da poter arrivare ad uno studio con basi scientifiche certe. Supportato da dati maggiori.

Ebbene, analizzando il tasso di letalità, si scoprono numeri buoni. Il riferimento è su pazienti che assumono il farmaco per 14 e 30 giorni. Sulle due settimane il tasso porta ad una letalità del 18,4%.

Per il periodo più lungo si va sul 22.4%. Numeri come detto incoraggianti. E che portano a pensare ad un utilizzo sempre maggiore del farmaco. Che come detto si usa per i pazienti in terapia intensiva.

Soprattutto nei casi di insufficienze respiratorie gravi. Uno strumento che potrebbe essere anche utile per evitare di aggravarsi al punto di entrare nelle terapie intensive. Ma la sperimentazione in questo senso non è stata ancora attivata.

Lo studio che certifica l’efficacia del farmaco verrà pubblicato nei prossimi giorni su una rivista scientifica che fornirà tutti i dettagli.

–> Leggi anche Coronavirus: risultato tampone arriva tardi, positiva lavora per 18 giorni

Coronavirus

La corsa contro il tempo per arrivare ad un farmaco efficace continua. Con la consapevolezza che il Tocivid19 è già tra quelli efficaci a contrastare la malattia.

–> Leggi anche Fase 2, Conte alle Camere: “Non è tempo di party movida e assembramenti”