Quasi 5 milioni di contagiati dal covid nel mondo. Intanto Wuhan vara la svolta animalista: vietati caccia e consumo di carne di animali selvatici per 5 anni

Coronavirus, la svolta animalista di Wuhan

Il numero di casi di contagio da coronavirus nel mondo ha quasi raggiunto quota 5 milioni. Secondo l’ultimo report della Johns Hopkins University, sono 4 milioni e 996.472 i positivi al nuovo coronavirus, ma secondo gli esperti il dato reale è sottostimato essendo molto più elevato. Il dato dei decessi accertati è di 328.115. I Paesi più investiti dalla pandemia a livello planetario sono gli Stati Uniti con oltre 1,5 milioni di casi di contagio, la Russia con 308.705, il Brasile con 291.579, il Regno Unito con 249.619 e la Spagna con 232.555. Inoltre, sempre secondo il report aggiornato della Johns Hopkins University, negli Stati Uniti torna ad aumentare il numero delle vittime causate dal nuovo coronavirus. Nelle ultime 24 ore, infatti, sono stati certificati 1.561 morti. Il numero totale dei decessi nel Paese nordamericano sale così a 93.416 mentre quello relativo ai casi di contagio a 1 milione e 551.102. In termini assoluti, gli Usa si confermano il Paese più colpito al mondo per numero di decessi.

LEGGI ANCHE –> Teenager rifiuta 8 mln di dollari per il suo sito di tracciamento del Covid

Coronavirus, quasi 5 milioni di contagi nel mondo. La svolta animalista di Wuhan

Primi rientri in Italia di nostri connazionali bloccati all’estero a seguito del lockdown imposto per arginare l’avanzata del coronavirus nel nostro Paese: un aereo della compagnia Neos con a bordo 205 italiani da tempo bloccati in Messico dalle misure restrittive legate alla pandemia da coronavirus è partito ieri da Cancun, nello Stato di Quintana Rio, alla volta di Milano. Il volo, decollato alle 17,30 locali (le 2.30 italiane), è il terzo organizzato con le compagnie Neos e Blu Panorama da ambasciata e consolati italiani in Messico in coordinamento con l’Unità di crisi della Farnesina. Complessivamente sono 550 i connazionali rientrati in Italia dal Messico. Intanto svolta animalista della città di Wuhan nel cui wet market, secondo tutti gli esperti, il covid ha trovato il veicolo ideale per il passaggio dagli animali all’uomo: vietati la caccia e il consumo di carne di animali selvatici per 5 anni. In una nota postata sui social network, la città, epicentro in Cina dell’epidemia di covid-19, ha optato per la svolta animalista che include anche il divieto di commercio di animali selvatici. Le nuove norme, in vigore con effetto immediato, mirano a rendere più difficile le licenza per chiunque punti ad allevare, cacciare o vendere animali selvatici.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, ufficiale: i guariti sono immuni e non possono più contagiarsi