Avi Schiffmann, ragazzo di 17 anni, ha scritto da zero un sito di tracciamento del Coronavirus che ha ricevuto un’offerta da 8 milioni di dollari

Coronavirus ragazzo rifiuta offerta milioni sito tracciamento
(foto dal web)

Avi Schiffmann è un ragazzo statunitense 17enne appassionato di coding. Una passione nata guardando guide video su YouTube. Grazie a questi filmati tutorial è stato in grado di creare da solo un sito di tracking sul Coronavirus. Un portale che conta ogni giorno intorno a 30 milioni di visite. Così giovane il teenager ha progettato questo sito da gennaio 2020. Si tratta di un portale di pubblica utilità sia in questi giorni, in piena emergenza virus, che in futuro.

Infatti, secondo il programmatore, nel momento in cui la pandemia sarà terminata, il sito non verrà più aggiornato. Si trasformerà in una piattaforma in cui saranno confrontate le statistiche di altre epidemie globali, quali ad esempio l’influenza spagnola e la Sars. Il portale in questione è ‘Ncov2019.live‘. È aggiornato in continuazione con statistiche ufficiali come numero di infezioni, decessi, ricoveri e curve di contagio.

LEGGI ANCHE —> Coronavirus, Pregliasco: “Vi spiego l’aumento dei dati sui decessi di oggi”

LEGGI ANCHE —> Coronavirus, Corea del Sud: “I guariti e di nuovo positivi non sono malati”

Coronavirus, perché Avi Schiffmann ha rifiutato 8 milioni di dollari per il suo sito di tracciamento

Coronavirus ragazzo rifiuta offerta milioni sito tracciamento
(foto dal web)

All’interno si può trovare una funzione, basata su parametri come età o sesso, fornendo le percentuali statistiche di sopravvivenza al contagio. Avi ha dichiarato diversi siti. “In futuro spero che siano l’OMS o altre organizzazioni internazionali ad occuparsi di gestire un sito che tenga informati i cittadini sulle statistiche di una pandemia come questa – ha auspicato -. La responsabilità non deve ricadere su un ragazzo qualsiasi“.

Il suo portale è diventato così popolare (si parla di oltre 700 milioni di utenti unici da quando è stato mandato online) da aver ricevuto anche un’offerta milionaria. Si tratta di 8 milioni di dollari per acquistare il sito. Una proposta che il 17enne ha rifiutato. Infatti quest’ultimo ha ritenuto che il suo portale possa guadagnarne più di 30 milioni semplicemente inserendo annunci pubblicitari dentro la pagina. Ad ogni modo Avi ha scelto di affidarsi a sottoscrizioni volontarie.