Fase 2: un cliente ha deciso di pagare il suo caffè ad un prezzo molto alto, un gesto di semplice solidarietà

Fase 2

Fase 2: stamattina alla riapertura delle tante attività commerciali ci sono state anche quelle di bar ed attività legate alla ristorazione. In questi giorni abbiamo parlato spesso di pandemia che incattivisce le persone.

Lo si può notare da alcuni post pubblicati sui social, con la gente arrabbiata e che sfoga anche con toni molto forti e violenti un malessere che purtroppo ha colto una vasta fetta della popolazione da nord a sud.

Non solo imprecazioni contro il mondo della politica, ma anche contrapposizioni tra semplici cittadini su argomenti spesso da fantascienza che stanno toccando però livelli molto alti e che rasentano se non superano il ridicolo.

Ma per fortuna ci sono anche degli episodi che danno la forza per andare avanti. Che testimoniano tutto quello che c’è di buono nel popolo italiano. Che mostra il proprio cuore anche nei momenti di emergenza.

–> Leggi anche Coronavirus, la conferma: la diffusione della pandemia è legata al meteo!

Il caffè pagato 50 euro a Marsala da un esponente delle forse dell’ordine. Ma casi simili di solidarietà anche al nord

Fase 2 che unisce il popolo italiano. Quello vero, che mette le polemiche e le difficoltà da parte e si rimette a lavorare. Senza storie o paranoie particolari. Chi è abituato a non piangersi addosso stamattina ha rialzato la saracinesca e si è rimesso in moto.

Pur sapendo che il nostro paese non è perfetto. E che la politica non ha saputo garantire nessuna copertura economica adeguata alle famiglie ed alle imprese. Queste persone vengono apprezzate dai clienti.

Cosa che è accaduta a Marsala. Con un esponente delle forze dell’ordine che ha voluto pagare il suo primo caffè dopo il lockdown 49 euro in più rispetto al costo normale. Cinquanta euro, un gesto di solidarietà.

Una persona privilegiata che non ha avuto alcuna difficoltà nella fase 1 e che ha deciso di dare un aiuto concreto a quel bar che con tante difficoltà stamattina ha riaperto. Episodio confermato da Fanpage e che non è unico per fortuna. “E’ il minimo che posso fare” ha detto.

Una storia che ha fatto il giro del web e che ha addirittura commosso. Per quanta umanità ci possa essere per fortuna in giro. E non solo odio e violenza. Con scene che purtroppo abbiamo visto con tanta frequenza nelle scorse settimane.

Dal sud, ma non solo, tanti episodi positivi da raccontare.

–> Leggi anche Coronavirus: l’allarme dell’OMS sulla sindrome infiammatoria multisistemica

Fase 2

Anche a Vicenza ci son stati nei giorni scorsi episodi del genere già per la riapertura del 4. Casi che fanno ben sperare per un futuro migliore.

–> Leggi anche Coronavirus, il virologo Silvestri:”Virus più buono? Calano i casi gravi”