Fase 2: autocertificazione necessaria per spostamenti fuori regione con motivazione. Il modulo da scaricare

Fase 2

Fase 2: da oggi ci si potrà spostare liberamente e senza alcuna motivazione o autocertificazione all’interno della regione di residenza. Almeno per il momento non sono consentiti movimenti tra regioni, salvo i casi previsti che restano tre.

Da una regione all’altra infatti sono previsti viaggi solo per casi di lavoro salute o estrema necessità. Casi da dimostrare nello specifico e con autocertificazione. Infatti ad oggi solo per spostamenti tra regioni la certificazione resta in validità.

Bisogna averla sempre con sé (scarica qui il modulo) e compilarla in tutte le sue parti. Da esibire ovviamente ad ogni controllo delle forze dell’ordine che anche in questi giorni continueranno a presidiare il territorio.

E’ sempre assolutamente vietato spostarsi in regime di quarantena. Ma si consiglia di non mettersi mai in viaggio in presenza di sintomi che potrebbero destare sospetti. In primo luogo febbre e tosse.

–> Leggi anche Coronavirus, la svolta: smentita la tesi cinese sull’origine della malattia

Controlli tra le regioni fino al 3 giugno, per i trasgressori multe salate che vanno da 400 euro fino a 3000 euro

Fase 2 entrata stamattina nel vivo. Con la normalità che ritorna almeno all’interno delle regioni. Con le autocertificazioni che restano solo un triste ricordo e che rimangono in vigore solo per spostamenti al di fuori della regione di residenza.

In quel caso come detto servirà ancora il modulo accuratamente compilato. Si dovrà infatti segnare, oltre alla parte anagrafica, l’inizio dello spostamento e l’arrivo. Poi si dovrà anche spiegare la motivazione.

Sanzioni pecuniarie molto elevate per i trasgressori. Con ammende che vanno da 400 a 3000 euro. Il provvedimento restrittivo della mobilità resterà in vigore fino al 3 giugno. Si terranno poi in considerazione le situazioni tra le regioni in merito ai contagi.

E si prenderanno delle valutazioni al momento. Con possibili mantenimenti di restrizioni in caso di situazioni ancora lontane dalla normalità. Con il governo e i governatori a stretto contatto in questi giorni.

–> Leggi anche Fase 2, Conte: “Il governo non è sordo alle difficoltà. Faremo di più”

Fase 2

Ci sono delle regioni come la Campania che si riservano dopo ulteriori controlli la facoltà d abolire il 3 giugno il limite degli spostamenti tra regioni.

–> Leggi anche Fase 2, l’infettivologo Galli: “Adesso il rischio concreto è uno solo”