Alda D’Eusanio, ospite da Marco Liorni, racconta l’accaduto sulla multa da 400 euro, da parte della GDF, per la mascherina rotta.

9 finanzieri per una mascherina

9 finanzieri per una mascherina🔗 https://youtu.be/gpugj4Ojoz4

Pubblicato da Alda D'Eusanio su Venerdì 15 maggio 2020

Alda D’Eusanio, ospite da Marco Liorni a “Italia Si”, ha voluto raccontare cosa è successo nei giorni precedenti. Infatti, la giornalista confessa di essere stata fermata dalla Guardia di Finanza  e che quest’utlima le ha fatto una multa di 400 euro.

“Nove agenti della Guardia di Finanza mi hanno bloccato per un’ora e mezzo in piazza per una mascherina. Io la metto sempre, anche in strada, per le persone che hanno paura. Ma si è rotta dentro al bar e mi hanno fatto la multa. Le forze dell’ordine dovrebbero proteggere i cittadini e non spaventarli”.

LEGGI ANCHE—>UOMINI E DONNE, VIVARELLI: IL DUBBIO, “NON E’ L’UOMO CON CUI CHATTAVO””

Ha raccontato infuriata la D’Eusanio. Il conduttore, però, replica “La Guardia di Finanza fa il suo dovere”. Ed anche Rita Dalla Chiesa interviene “Gli agenti della Gdf sono gli stessi che in piena crisi facevano i cordoni a Codogno e Bergamo”.

Alda D’Eusanio multata dalla Guardia di Finanza perchè aveva la mascherina rotta.

Marco Liorni poi legge una Nota inviata dall’ Ufficio Stampa della Guardia di Finanza “Gli agenti hanno fatto il loro lavoro, sono dovuti intervenire in nove perché si era creato un assembramento”.

Fa il suo ingresso in studio anche Andrea Vianello che commenta l’accaduto “Quello che ha detto non si può sentire. Adesso è il momento di essere ligi alle regole. Mando comunque un bacio ad Alda. Dopo l’ictus, questo è stato il mio secondo lockdown. Non diventeremo migliori, ma si spera più forti”.

LEGGI ANCHE—>CATERINA BALIVO SCIOCCANTE: “SE SAI CHE MIO MARITO MI TRADISCE, DIMMELO”

Gianluigi Nuzzi, prima su Instagram e poi ospite a Live non è la D’Urso reagisce così alle parole della D’Eusanio. Su Instagram scrive “I finanzieri interrogano il gestore del locale e i dipendenti: tutti confermano che la mascherina non era rotta, che la D’Eusanio l’ha regolarmente indossata dopo le prime contestazioni che l’avrebbe rotta fuori dal locale prima di girare il video dove fa la vittima. Fosse così… che vergogna!!!!”.

Da Barbara D’Urso invece dice “Quando noi personaggi pubblici commettiamo un errore dobbiamo pagare come gli altri, stare zitti e scusarci. Ci sarebbero dei verbali e delle persone che hanno visto la signora D’Eusanio senza mascherina Se uno sbaglia è giusto prendere la multa. Non è possibile che la mascherina si sia rotta nel momento in cui la Guardia di Finanza è entrata nel bar. Doveva tornare a casa e non dire ‘lei non sa chi sono io’. Volevi fare la furbetta dicendo di conoscere nomi di alti ufficiali della Guardia di Finanza,Siamo stufi di te”.

View this post on Instagram

La multa da 400 euro alla D’Eusanio, Giovanna d’Arco e il dialogo con i finanzieri: 15 Maggio ore 11.05 bar di Roma Maresciallo Emiliano R. : “signora deve indossare la mascherina e’ obbligatoria” D’Eusanjo: “posso anche non indossarla perché sono in perfetto stato di salute” M. Rossana B.: “Signora se non la indossa dobbiamo fare la multa, come si chiama? Ci indichi le sue generalità “ D’Eusanio: “Giovanna d’Arco” Finanzieri: “ Signora fornisca i documenti…” D’Eusanio: “scriverò un articolo su quanto sta accadendo!!!! Rappresenterò tutto questo al vostro comandante generale Toschi!!! E al generale Cuneo”!!!! Ditemi a quale reparto appartenete!!! (Nel mentre la signora interloquiva con qualcuno a telefono)” I finanzieri interrogano il gestore del locale e i dipendenti: tutti confermano che la mascherina non era rotta, che la D’Eusanio l’ha regolarmente indossata dopo le prime contestazioni e che l’avrebbe rotta fuori dal locale prima di girare il video dove fa la vittima. Fosse così… che vergogna!!!! (Il testo corrisponde ed è tratto per sunto dai verbali e dalle relazioni redatti dai militari sull’accaduto)

A post shared by Gianluigi Nuzzi (@gianluigi.nuzzi) on

Alda D’Eusanio però annuncia che “Ho il video, non  ne voglio più parlare, ora partono solo le denunce”.