Fase 2, l’indagine di Confesercenti non è delle migliori: solo 6 attività su 10 riapriranno regolarmente. I dettagli

Fase 2

Fase 2: la riapertura lunedì 18 maggio. Ma sarà per tutti? Sembra proprio di no, che al momento prevalga il pessimismo per tanti motivi. Sta di fatto che secondo alcune indagini alla ripresa non ci sarà un boom delle riprese.

Almeno per le attività commerciali legate alla vendita o dei servizi. Il sondaggio di Confesercenti parla di 60% di riaperture, con una grossa fetta che preferirà tenere chiuse le attività in attesa di tempi migliori.

Swp porta dei numeri che appaiono abbastanza significativi: il sondaggio per Confesercenti parla di una situazione in chiaroscuro per tante attività che non intenderanno rischiare di ‘non lavorare’. E quindi di avere delle ulteriori perdite.

Numeri abbastanza chiari quelli emersi dall’indagine. Il 62% aprirà regolarmente l’attività assumendosi i rischi della ripresa. Che comunque fanno parte del rischio imprenditoriale. Il 27% ha già deciso di rimanere chiuso. L’11% è incerto e deciderà nelle prossime ore.

–> Leggi anche Calcio, oggi al via la Bundesliga: è il primo campionato a ripartire

Per tutti, anche per chi riapre, rimane un senso di incertezza per quello che sarà il futuro che fa paura

Fase 2 tutta da decifrare. In queste ore c’è una parte di indecisi che sta valutando cosa fare. L’11% delle persone sta pesando i vantaggi e gli svantaggi della situazione. I rischi di rimanere fermi e i costi per mettere a norma le attività.

Tante le ragioni che portano i dubbi. Prima tra tutte si insinua la paura di non avere la giusta affluenza. Di non riuscire a sopportare le spese per un flop e che ci siano rischi che non vale la pena di correre.

Se a tutto ciò si aggiungono anche i costi per la sanificazione dei locali e delle norme per la messa in sicurezza ci si rende conto che il quadro non è dei migliori. Tanti temono anche una futura chiusura che possa vanificare questa riapertura.

–> Leggi anche Coronavirus, barbiere positivo girava nelle case: 40 famiglie in quarantena

Fase 2

Insomma, sentimenti contrastanti che condizionano molti imprenditori. Alcuni aspetteranno ancora qualche giorno per vedere l’andazzo generale e magari accodarsi a queste aperture.

–> Leggi anche Fase 2, cosa cambia da lunedì: vietati i giochi di gruppo sulle spiagge