Il Coronavirus starebbe arretrando perdendo forza diminuendo la sua contagiosità e letalità: ecco il parere di quattro illustri virologi

Coronavirus fase 2 virologi
(Getty Images)

Il Coronavirus sarà destinato a rimanere per tanto tempo? Il Covid-19 prosegue ancora in Italia. La Fase 2 ha avuto il via pochi giorni fa. Una previsione i cui effetti si potranno valutare solo la prossima settimana.

Di recente è stata resa nota la notizia, secondo cui il virus starebbe arretrando perdendo forza. Questa l’opinione di quattro illustri virologi, quali Ciccozzi, Bassetti, Clementi, Gallo.

Massimo Ciccozzi, responsabile dell’Unità di statistica medica ed epidemiologia molecolare dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, ha sostenuto nel corso di un’audizione in Senato. “Stiamo osservando che il virus perde potenza. Evolve, ma perde contagiosità e, probabilmente, letalità“.

Parole che sono state condivise anche da Matteo Bassetti, direttore del reparto Malattie Infettive dell’Ospedale Policlinico San Martino di Genova. “A marzo questo virus era uno tsunami – ricerca –, ora è diventato un’ondina“.

LEGGI ANCHE —> Coronavirus, l’immunologo: “L’estate sarà sicura, vi spiego il perché”

LEGGI ANCHE —> Coronavirus: a 103 anni guarisce dopo aver battuto anche la spagnola

Coronavirus, il Covid-19 arretra | L’opinione degli esperti

Coronavirus fase 2 virologi
(Getty Images)

L’esperto continua. “Forse è perché ha già colpito i soggetti più fragili, facendo una “selezione naturale”, o forse si è depotenziato – ipotizza –. È un’iniezione di fiducia per la fase 2, ma per giudicare se gli italiani si saranno comportati bene ci vorranno 2-3 settimane“.

Massimo Clementi, direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia all’Ospedale San Raffaele di Milano e professore all’Università Vita-Salute San Raffaele, durante un’intervista ai microfoni del ‘Corriere della Sera‘ dichiara che il virus sta pian piano arretrando. “L’infezione non sfocia più nella fase gravissima, la cosiddetta “tempesta citochinica” – spiega –. Lo vediamo in ospedale, anche se per ora è solo un’osservazione empirica. In generale sono in forte calo i pazienti che hanno bisogno di ospedalizzazione, l’epidemia c’è ancora ma dal punto di vista clinico si sta “svuotando”“.

Infine sui prossimi mesi, quelli estivi. “Come ha giustamente osservato il virologo americano Robert Gallo – evidenzia –, la diffusione di Sars-CoV-2 ha dapprima interessato l’emisfero Nord e ora si sta spostando nei Paesi dell’emisfero Sud, dove sta iniziando la stagione invernale“.