Fase 2: il virologo commenta i dati positivi della giornata di oggi, ma non si sbilancia su previsioni per il 18 maggio

Fase 2

Fase 2 che entra nel vivo ma che ci dirà qualcosa in termini di effetti sanitari solo tra una settimana. Questo il tempo per capire se i cittadini in questi giorni siano stati attenti alle misure di sicurezza o se si sia abbassata la guardia.

Secondo scenario che sarebbe preoccupante e che metterebbe a repentaglio tutto quello che di buono è stato fatto in questi giorni. E a confermare questi discorsi è il virologo Fabrizio Pregliasco che ad Adnkronos ha commentato i dati del bollettino odierno.

Un bollettino ancora pesantemente condizionato dalla situazione della Lombardia, non solo per i contagi ma anche per i decessi. In generale però per il virologo dell’Universale Statale di Milano la situazione è buona.

Il bilancio è positivo, nel senso che i numeri continuano a calare. Nonostante ci siano ancora delle regioni come Piemonte ed Emilia Romagna ancora a destare qualche piccola preoccupazione per gli scostamenti giornalieri.

–> Leggi anche Fase 2, riaperture di bar ristoranti e parrucchieri: ora c’è la data!

Per il virologo, considerando i tempi di incubazione del virus, saranno decisivi i prossimi 5-7 giorni

Fase 2 che darà il suo primo verdetto a breve. Per Pregliasco massimo tra una settimana ci saranno i primi dati disponibili per analizzare l’andamento della situazione. Anche se al momento tutto sembra andare per il verso giusto.

Con nessuna regione a contagio zero, ma con l’andamento soprattutto al sud che può considerarsi più che positivo. Ma non bisogna abbassare la guardia per il virologo che mette in guardia sui rischi che si potrebbero correre in caso di contagi da seconda ondata.

Pregliasco appare soddisfatto anche per la situazione di Milano che alla fine, considerando le premesse, pure sta tenendo. Poi la conferma sul primo bilancio che si potrà fare solo tra 5-7 giorni. si dovrà considerare il tempo di incubazione del virus.

–> Leggi anche Coronavirus, Patty è positiva da oltre 70 giorni: “Tanti sintomi strani”

Fase 2

Che è di 5 giorni. Quindi dall’8-9 maggio si potranno avere dai bollettini delle regioni i primi dati per capire il comportamento dei cittadini.

–> Leggi anche Coronavirus: ipotesi Serie A negli stati del Sud dalla Campania alla Sicilia