Michelle Hunziker risponde su Instagram a chi in questi giorni l’accusa di aver fatto “body shaming” alla giornalista Giovanna Botteri.

Michelle Hunziker risponde cosi sulle accuse a Giovanna Botteri "è solo una fake news"
Michelle Hunziker risponde alle critiche

Sul profilo di Instagram Michelle Hunziker risponde alle critiche che ha ricevuto in questi giorni a proposito della giornalista Giovanna Botteri, inviata dalla Cina.

LEGGI ANCHE—>LA D’URSO: IRRICONOSCIBILE NELLA FOTO SENZA TRUCCO “I FAN HANNO UN DUBBIO”

La Hunziker si è sempre dichiarata di essere dalla parte delle donne, tanto che con l’avvocato Giulia Bongiorno ha creato una fondazione “Doppia Difesa” , che aiuta le donne che hanno subito violenze.

La presentatrice di “Striscia la Notizia” risponde così alle accuse contro la giornalista Botteri

Da un pò di giorni, Giovanna Botteri è stata criticata per il suo modo di vestire e per la messa in piega non sempre perfetta. La Botteri ha già risposto a chi la criticava, dicendo che in un momento come quello che stiamo vivendo, tutte il modo di vestire e i capelli possono passare in secondo piano, rispetto all’informazione.

Pochi giorni fa, su Canale 5, è andata in onda una puntata di “Striscia la Notizia”, in cui veniva sottolineato che “a ogni collegamento dalla Cina, la corrispondente sfoggiava il medesimo abito nero”, ma che ora “aveva capelli splendenti”.

LEGGI ANCHE—>FLAVIO INSINNA CHIEDE SCUSA PER L’ACCADUTO: “NON L HO FATTO DI PROPOSITO”

Sia sul canale social della trasmissione che su quello della presentatrice svizzera sono arrivate molte critiche.

La Hunziker però tramite le storie di Instagram cerca di chiarire “Noi abbiamo mandato in onda un servizio a favore di questa giornalista dicendo che tanti media e molti social l’hanno presa in giro per il suo look e invece noi prendiamo atto del fatto che si è fatta un’ottima e una bellissima messa in piega.

Michelle Hunziker risponde cosi sulle accuse a Giovanna Botteri "è solo una fake news"
Michelle Hunziker e Giovanna Botteri

Questo non è attaccare una persona ma è rimanere nei toni di Striscia come sempre, e soprattutto non è body shaming”.