Il presidente dell’Adepp lancia l’allarme: mancano 48 milioni di coperture per il pagamento del bonus di 600 euro a tutti i richiedenti

Bonus 600 euro coperture
(foto dal web)

Mancano le coperture per assicurare a tutti i richiedenti il pagamento dei 600 euro previsto nel decreto Cura Italia. Il provvedimento deciso a metà marzo prevedeva il pagamento dell’indennità a tutti coloro che ne hanno diritto entro Pasqua. Successivamente questa data è stata rinviata a causa di un cambiamento nei requisiti per la domanda.

La possibilità di presentare richiesta all’Inps e alle diverse Casse di previdenza è stata concessa a partire dall’1 aprile. Alle Casse di previdenza private fino al 14 aprile erano arrivate “454.541 domande” per il bonus da 600 euro, “di cui ammesse al pagamento 413.455“. Tali dati sono stati inviati dall’Adepp (l’Associazione che riunisce venti Enti previdenziali, cui sono iscritti 1,6 milioni di professionisti) al Governo (nello specifico ai ministri dell’economia e del lavoro, Gualtieri e Catalfo) che avrebbe dovuto procedere al pagamento delle somme agli aventi diritto.

LEGGI ANCHE —> Roma: porta a spasso la tartaruga e viene multata per aver violato il Decreto

LEGGI ANCHE —> Bonus vacanze: nel decreto Aprile per rilanciare le vacanze domestiche

Bonus 600 euro, mancano le coperture per 40mila richiedenti: l’allarme dell’Adepp

Bonus 600 euro coperture
(foto dal web)

Allo stesso tempo nella missiva si è avvertito del problema coperture. Per ora sembrerebbero mancare 48 milioni di euro per riuscire così a poter accogliere tutte le richieste. Rimarrebbero fuori dunque circa 40mila richiedenti aventi diritto. Una circostanza per cui si attendono conferme o smentite.

Ad ogni modo il governo però già sta al lavoro per la definizione dei dettagli economici del decreto di aprile. Tra i provvedimenti previsti sarebbero presenti diversi sostegni al reddito, dalla cassa integrazione ai congedi speciali, con copertdue fino a giugno, l’inserimento del reddito di emergenza e verrebbe confermato il bonus per gli autonomi, che potrebbe essere aumentato anche a più di 800 euro.