La notizia della scoperta è arrivata da poche ore, e sembra che il Coronavirus, ha un recettore sensibile a farmaci anti-diabete.

Coronavirus: recettore sensibile a farmaci anti-diabete
Coronavirus: recettore sensibile a farmaci anti-diabete

Vediamo di capire meglio, le pochissime informazioni che sono arrivate da poco, dove sembra che il Coronavirus, abbia un recettore sensibile a particolari farmaci.

Stiamo parlando di quelli anti-diabete, ma vediamo meglio insieme.

Coronavirus: recettore sensibile a farmaci anti-diabete

Continuano le scoperte sul Coronavirus, giustamente tutti i ricercatori del mondo, cercano di conoscere meglio il virus, per trovare il modo migliore per combatterlo.

LEGGI ANCHE —–> CORONAVIURS, L’ESPERTO: ” IN ITALIA CURVA IN FRENATA, NORMALITà DOPO LUGLIO”

Sembra infatti che ci sia una particolare via d’ingresso nelle cellule del Covid-19, ed è un recettore che si chiama Dpp4.

Una sorta di serratura molecolare che il virus usa per invaderle, ed è presente su tutti i tipi di cellule umane ed è lo stesso sul quale agiscono molti farmaci anti diabete che si trovano in commercio.

LEGGI ANCHE —–> CORONAVIRUS: LA REGOLA DEI 6 SECONDI PER EVITARE IL CONTAGIO E SALVARSI LA VITA

Il che potrebbe far pensare, di usare gli stessi farmaci, contro il Coronavirus, nei casi più lievi.

La ricerca è stata condotta da Gianluca Iacobellis, dell’Università di Miami, ed è stata pubblicata sul Diabetes Reserch and Clinic Practice.

Coronavirus: recettore sensibile a farmaci anti-diabete
La ricerca è stata condotta da Gianluca Iacobellis, dell’Università di Miami, pubblicata sul Diabetes Reserch and Clinic Practice.

La porta nota, almeno fino ad oggi, era quella del recettore Ace2, che si possiamo trovare, specialmente, nelle cellule del nostro sistema respiratorio.