Coronavirus: Angelo Borrelli ha parlato del 13 aprile come possibile data per la fine delle misure di contenimento

Coronavirus

Coronavirus: a tenere banco nelle ultime ore è la possibile data di fine del lockdown in Italia. Con i numeri dei contagi a livello nazionale che sembrano avere una leggera flessione, si pensa alla riapertura del paese. Che, come è stato ribadito più volte, dovrà avvenire in modo graduale.

E per scaglionamento. E’ impossibile che si possa da un giorno all’altro pensare di riaprire tutto. Ci dovrà essere, come lo stesso premier Conte ha più volte sottolineato, un piano di ripartenza ben strutturato.

E poco fa anche il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli, nella sua conferenza stampa quotidiana, ha elencato i numeri della pandemia in Italia. Ma si è soffermato anche sulla questione della riapertura del paese. Una domanda che pare oggi sia molto gettonata. Anche perchè la quarantena comincia a farsi sentire per milioni di persone.

–> Leggi anche Coronavirus: Papa Francesco dona 60mila euro all’ospedale di Bergamo

Borrelli alla stampa: “Non posso darvi una data diversa da quella del 13 aprile anticipando le decisioni del governo”

Coronavirus: la risposta di Angelo Borrelli alla domanda sulla possibilità della fine del lockdown italiano è stata secca: “Ad oggi la sola data è quella del 13 aprile” ha dichiarato. Affermando poi di essere molto amareggiato sul fatto che alcune sue parole siano state fraintese.

Borrelli ha spiegato che “Alcune mie parole sono state equivocate, stiamo fronteggiando un virus e non possiamo fare troppe previsioni”. Lo stesso capo della Protezione Civile, in prima linea in questa battaglia contro il virus, ha aggiunto che non potrebbe mai dare delle date per la ripartenza.

Non volendo e potendo anticipare le decisioni del governo. E non essendo nemmeno in grado di poter esprimere delle opinioni non avendo nessun elemento per farlo. Poi il discorso è andato sull’utilizzo delle mascherine.

Borrelli ha dichiarato che si sta tentando di capire se ci sia l’effettiva necessità di indossarle sempre. E come bisognerà adeguarsi per il futuro, facendo capire che la cosa importante rimane la distanza dalle persone.

–> Leggi anche Coronavirus, dati positivi in Lombardia: “In un giorno solo 40 ricoveri”

Coronavirus

“Io non le indosso sempre, ma questo non vuol dire che non servano” ha aggiunto Borrelli rispondendo alle domande dei media presenti.

–> Leggi anche Coronavirus: Wuhan richiude tutto, torna l’incubo! In Usa numeri tragici!