Questa sera Conte ha fatto la conferenza stampa, aggiornandoci su alcune importanti informazioni, vediamo insieme che cosa ha detto.

Conte: la conferenza stampa di questa sera
Conte: la conferenza stampa di questa sera

Oggi primo aprile, il Presidente del Consiglio Conte, ha fatto una nuova diretta dove ha comunicato nuove informazioni.

Vediamo insieme che cosa ha detto e dichiarato

Conte: la conferenza stampa di questa sera

Sono stati superati i 13 mila decessi e per questo motivo non si possono allentare le misure contenitive al quale siamo tutti sottoposti.

Il comitato tecnico scientifico comunica che gli effetti si iniziano a vedere ma non possiamo fare in modo diverso, e quindi come anticipato dal Ministro Speranza, si proroga il regime delle chiusure fino al 13 Aprile.

LEGGI ANCHE —-> CORONAVIRUS DA TOKYO: “SI TESTA UN NUOVO FARMACO CHE LO PUò SCONFIGGERE”

Capiamo che facciamo un ulteriore sforzo, ma dobbiamo capirlo tutti, se allentiamo le misure tutti gli sforzi sarebbero vani e pagheremmo un prezzo davvero molto alto, oltre a quello psicologico anche quello sociale, e dovremmo ripartire nuovamente.

Invita tutti a continuare a rispettare le regole, poche persone non le rispettano, ma ci ricorda che si sono sanzioni anche onerose perché chi è irresponsabile non può provocare un danno nei confronti di tutti, e per chi rischia la propria salute come il personale medico.

LEGGI ANCHE —-> CORONAVIRUS, CONTAGIO LUNGO, SINTOMI LIEVI: L’ENIGMA DEI PAZIENTI CRONICI

E’ dispiaciuto che le nuove misure capitano con la festività di Pasqua, un momento di condivisione e di amore, ma saremo comunque tenuti a tenere questo regime restrittivo in questo momento.

Nel momento in cui i dati si consolidano e gli esperto lo confermano si programmerà un allentamento delle misure, ma ancora non lo sappiamo, ma quotidianamente c’è un confronto con il comitato tecnico scientifico.

CoronaviruConte: nuovo Dpcm confermato fino al 13 Aprile Pasqua compresa
Conte: nuovo Dpcm confermato fino al 13 Aprile Pasqua compresa

La fase 2 sarà quella di convivenza con il virus, per poi entrare nella fase 3 per uscire nel’emergenza ed il ripristino della normalità e della ricostruzione e del rilancio.