Covid 19: con l’indennità dal governo, ecco la procedura per la presentazione della domanda all’Inps

Covid 19

Covid 19: si è parlato tanto nei giorni scorsi dell’impegno da parte del governo nei confronti dei lavoratori non statali e a tempo indeterminato. In pratica di tutti i lavoratori autonomi e a partita Iva.

Milioni di lavoratori che potranno accedere al sussidio di 600 euro che il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato in conferenza stampa e con il Decreto Cura Italia.

Vediamo insieme quali sono le categorie che possono fare questa richiesta. Ma anche come si deve procedere ad inoltrare la domanda.

Innanzitutto si deve attendere che in settimana l’INPS sblocchi l’iter telematico per poter fare la richiesta. L’indennità di 600 euro fa riferimento al mese di marzo 2020 e ovviamente non è tassata.

Chi può accedere a questo sussidio di 600 euro? Si tratta di liberi professionisti che abbiano partita Iva al 23 febbraio. Ma non anche studi associati e soggetti iscritti alla gestione separata dell’INPS.

–> Leggi anche Coronavirus: 24enne non rispetta la quarantena e infetta 11 persone!

Nell’elenco ci sono anche artigiani commercianti coltivatori diretti coloni e mezzadri e i lavoratori stagionali

Covid 19: si parte a breve con il decreto Cura Italia. Che nelle intenzioni del governo deve aiutare le categorie di lavoratori in difficoltà da questo stop alle aperture e al lavoro. Come detto si fa riferimento al mese di marzo. E la somma di 600 euro non è tassata.

Le altre categorie che possono accedere a questo provvedimento del governo sono gli artigiani e i commercianti che hanno dovuto abbassare le saracinesche nel secondo decreto che ha chiuso l’Italia.

Oltre a loro ci sono i coltivatori diretti, i coloni e i mezzadri a chiudere le categorie di lavoratori agricoli. Ovviamente anche i lavoratori agricoli a tempo determinato possono accedere a questi fondi a patto che abbiano maturato 50 giorni di lavoro dipendente e non percepiscano pensione.

Inoltre ci sono i lavoratori dello spettacolo e tutti gli altri autonomi e iscritti nella gestione separata INPS.

–> Leggi anche Coronavirus, Gallera: “In Lombardia 6.360 morti, +416 rispetto a ieri”

Covid 19

Per accedere a questi fondi si deve procedere con l’iscrizione online nella piattaforma dedicata. Operazione che possono condurre i patronati dalla fine del mese di marzo.

–> Leggi anche Coronavirus, in Cina crescono i dubbi sui morti ufficiali: “Sono 42mila”