Da Corbetta arriva una notizia che regala a tutti un sorriso: il piccolo Leonardo, di soli 50 giorni, ha sconfitto il coronavirus ed è tornato a casa

ll piccolo Leonardo ha sconfitto il coronavirus ed è tornato a casa
Il piccolo Leonardo

Dopo giorni di lutti e le immagini strazianti delle lunghe colonne di mezzi militari che trasportano in altre province le bare che non possono essere inumate nei cimiteri della bergamasca in quanto hanno ormai raggiunto e superato i limiti della loro capacità, finalmente arriva una bella notizia: il piccolo Leonardo di soli 50 giorni ha sconfitto il coronavirus ed è tornato a casa, dopo il ricovero presso l’ospedale di Magenta, dai propri genitori, che vivono a Corbetta, e che hanno così potuto riabbracciarlo dopo giorni di ansia e preoccupazione. Ed è stato proprio il primo cittadino del centro magentino Marco Ballarini a divulgare la bella novella per rendere partecipe di tale gioia tutta la comunità di Corbetta: “Oggi abbiamo un motivo in più per sorridere, per essere felici, per sentirci ancor di più una Comunità unita: oggi guardiamo il volto meraviglioso della speranza, la nostra speranza. Corbetta, diamo il bentornato a casa al piccolo Leonardo, appena dimesso dall’Ospedale dove ha vinto la battaglia contro il Coronavirus!“.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, Gallera: “Non sarà tutto finito tra 10 giorni”

Coronavirus, il piccolo Leonardo è tornato a casa. Bergamo, ce l’ha fatta anche Beatrice, di 40 giorni

Non solo il piccolo Leonardo che ad appena 50 giorni è stato più forte del famigerato virus cinese che sta seminando morte in tutto il mondo. Un’altra bella notizia che apre il cuore alla speranza è arrivata da Bergamo dove la piccola Beatrice è stata dimessa dall’ospedale Papa Giovanni XXIII dove era ricoverata dopo essere risultata positiva al coronavirus. Un’altra piccola guerriera, di appena 40 giorni, ha quasi vinto la propria battaglia contro il covid-19 ed ha fatto ritorno, dopo un ricovero in ospedale di quaso 20 giorni, a casa insieme a mamma Marta e papà Marco. L’ultimo tampone cui è stata sottoposta Beatrice è risultato positivo ma la piccola sta bene e quindi i sanitari che l’hanno in cura hanno ritenuto più opportuno che continui la quarantena a casa in attesa della seconda buona notizia, quella della definitiva guarigione dal coronavirus.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, virologo Crisanti: “Almeno 450 mila casi”