Coronavirus: la virologa Ilaria Capua si dice ottimista per il calo dei contagi in Italia

Coronavirus

Coronavirus e situazione in Italia che vede una crescita meno rapida di contagi e decessi. Per il quarto giorno consecutivo i dati ufficiali sembrano meno gravi rispetto a quelli di qualche giorno fa.

A dare conferma del mini trend positivo è la virologa Ilaria Capua, che si mostra cautamente ottimista per l’Italia. In quanto i numeri che leggiamo oggi fanno riferimento a quanto accaduto due settimane fa.

La direttrice dello One Health Center of Excellence all’UNiversità della Florida è intervenuta al TG1 mostrando la sua fiducia nei dati di questi giorni che devono adesso trovare conferma nei prossimi bollettini per diventare certezza.

Si ricorda che nel nostro paese ci sono attualmente 74.386 contagiati. Di questi 7.503 sono i decessi e 9.362 i guariti da influenza da Covid-19. Ma come detto gli ultimi 4 giorni hanno fatto registrare una lieve flessione nel dato nazionale.

–> Leggi anche Coronavirus, Gallera: “Non sarà tutto finito tra 10 giorni” 

Ilaria Capua: “Con le misure di contenimento i dati positivi nei prossimi giorni si dovrebbero ulteriormente fortificare”

Coronavirus e situazione italiana che fa sperare in una decrescita dei dati negativi per numero di contagi e di vittime. La medicina per arrivare a tutto questo è sempre una: continuare a stare a casa per valutare le scelte di contenimento del governo.

Che per Ilaria Capua sembrerebbero funzionare. Ma per capire se ciò sta avvenendo bisogna attendere i dati dei prossimi giorni. Nel caso di dovesse proseguire su questo trend allora vorrà dire che le azioni del governo stanno dando i frutti.

Perché i numeri di adesso per la Capua fanno riferimento a 15 giorni fa. Per la virologa adesso non bisogna mollare e si deve continuare a rispettare queste misure. Ma un passo importante è quello di effettuare più tamponi possibili a medici infermieri e personale sanitario.

–> Leggi anche Coronavirus, virologo Crisanti: “Almeno 450 mila casi”

Coronavirus

Per la Capua inoltre bisogna proteggere i pazienti più a rischio, anziani con patologie pregresse che avrebbero maggiori difficoltà in caso di contagio del virus.

–> Leggi anche Napoli, “L’Orientale” sempre all’avanguardia: parte in modalità e-learning il Laboratorio Sperimentale di Audiovisivi