Coronavirus, ancora buone notizie da Napoli: continua a dare buoni effetti la cura con il farmaco anti artrite

Coronavirus

Coronavirus, continua la speranza da Napoli grazie alla sperimentazione del Tocilizumab. Il farmaco anti artrite che i medici di Pascale e Cotugno stanno utilizzando per curare pazienti affetti da polmonite da Covid-19.

Soprattutto ai pazienti gravi che si trovano in terapia intensiva. E i risultati giorno per giorno sembrano sempre più rassicuranti. Intanto si può finalmente commentare la notizia di una paziente dimessa dopo una cura con il farmaco.

Si tratta di una donna di 59 anni che era stata colpita dalla forte polmonite da Covid-19. Le sue condizioni erano gravi a causa di una insufficienza respiratoria. Tanto che si è richiesto il ricovero in terapia intensiva.

L’arrivo in ospedale della donna ad inizio marzo. Poi il peggioramento delle condizioni e la decisione di somministrare il Tocilizumab il 13 marzo.

–> Leggi anche Coronavirus, il piccolo Leonardo è tornato a casa

Il commento del dottor Ascierto: “Un ulteriore segnale di attività del farmaco. Buoni segnali da altri pazienti”

Coronavirus: sono numerosi i pazienti in gravi condizioni che vengono attualmente trattati con il farmaco anti artrite. Non solo in ospedali napoletani ma anche in altre strutture in tutta Italia.

Una speranza che è nata grazie all’intuizione del dottor Paolo Ascierto, oncologo dell’ospedale Pascale di Napoli. Un idea che potrebbe rappresentare davvero la svolta nella dura battaglia contro questo nemico invisibile.

Che in tutta Italia, ma si può dire anche in tutto il mondo, sta mietendo vittime e contagiati. Il professor Ascierto mostra il suo cauto ottimismo: “Un ulteriore segnale dell’attività del farmaco. Rimaniamo ottimisti”.

Anche il dg dell’ospedale Monaldi, Vincenzo Montesarchio, non nasconde la sua soddisfazione per l’efficacia che sta mostrando la terapia: “Buoni segnali arrivano anche da altri pazienti trattati con il farmaco”. Da attendere ancora qualche giorno per ulteriori aggiornamenti sulle condizioni dei pazienti in cura con il Tocilizumab.

–> Leggi anche Coronavirus, Ilaria Capua: “Ottimista per l’Italia, i contagi calano”

Coronavirus

Nei prossimi giorni si sapranno i risultati dell’efficacia del farmaco su altri pazienti. Con la speranza che si possa arrivare ad un numero sempre maggiore.

–> Leggi anche Coronavirus, virologo Crisanti: “Almeno 450 mila casi”