Doccia gelata per quanti speravano di ritornare a breve alla normalità dall’assessore lombardo al welfare Gallera: “Non sarà tutto finito tra 10 giorni”

Coronavirus, assessore lombardo al welfare Gallera: "Non sarà tutto finito tra 10 giorni"
Coronavirus, assessore lombardo al welfare Gallera: “Non sarà tutto finito tra 10 giorni”

Ospite della trasmissione Omnibus, su La7, Walter Gallera, assessore al Welfare della Regione Lombardia, ha frustrato le aspettative di quanti dopo la rettifica da parte del Premier Conte sul 31 luglio come deadline dell’emergenza si erano illusi che la fine delle restrizioni alla mobilità fosse dietro l’angolo: “La data del 31 luglio è stata meglio rettificata dal Presidente del Consiglio, però il messaggio è chiaro ed evidente e io lo condivido: non è che tra dieci giorni, nella speranza che possa scendere o rallentare la diffusione del contagio, possiamo immaginare che tutto sia finito e tornare come prima ad animare i bar o a ritrovarci nei parchi: sarà una lunga stagione per riuscirci“.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, virologo Crisanti: “Almeno 450 mila casi”

Coronavirus, assessore lombardo al Welfare Gallera: “Non sarà tutto finito tra 10 giorni. Attenzione ai contagi di ritorno”

Inoltre Walter Gallera, assessore al Welfare della Regione Lombardia, nel corso del proprio intervento al talk show de La7, ha invitato a cosa sta succedendo in questo momento in Cina, dove da giorni non si registrano casi domestici ma solo “importati”, cioè cinesi che hanno contratto l’infezione in un Paese estero e che poi hanno fatto ritorno in Patria, per avere un’idea di cosa ci aspetta quando finalmente saremo ufficialmente fuori dall’emergenza coronavirus: “Il caldo sicuramente ci aiuterà ma finché noi non troviamo un farmaco efficace o un vaccino il rischio che riparta c’è. In Cina oggi stanno vivendo il problema dei contagi di ritorno. Quindi sarà lunga, anche se non penso che si possa immaginare che per quattro mesi i nostri cittadini rimangano a casa, non lo hanno fatto neanche a Wuhan”.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, la mamma deve fare il tampone e i poliziotti fanno da baby-sitter