L’amministratore delegato, Gian Luca Rana ha deciso di aumentare lo stipendio e di dare 400 euro in più per le babysitter.

Coronavirus, Rana aumenta gli stipendi e "dona" 400 euro per la babysitter
Il gruppo Rana stanzia 2 miliardi per i dipendenti

In un momento delicato come questo per la pandemia di Coronavirus, arriva una buona notizia. Molte fabbriche hanno chiuso, tranne quelle che producono bene di prima necessità.

LEGGI ANCHE—>COVID-19: MEDICI RIFIUTANO IL CONTRATTO PER L’EMERGENZA, “DOVETE PAGARCI DI PIU'”

Fra queste sono rimaste aperte anche le fabbriche storiche del marchio Giovanni Rana, pastificio veronese, specializzato nella pasta fresca e guidato ora dal figlio.

Come riconoscenza ai 700 dipendenti presenti nei 5 stabilimenti, l’amministratore delegato Gian Luca Rana ha varato un “piano straordinario di aumenti salari per 2 miliardi di euro”.

L’azienda Giovanni Rana stanzia 2 miliardi per i dipendenti

Questo piano è retroattivo dal 9 marzo e coprirà anche il mese di aprile. “Tra le misure previste vi sono una maggiorazione dello stipendio del 25% per ogni giorno lavorato e un ticket mensile straordinario di 400 euro per le spese di babysitting”.

LEGGI ANCHE—>CORONAVIRUS, MONTANARI: “E’ UNA GRANDE TRUFFA, VI DICO QUANTI SONO DAVVERO I MORTI”

Inoltre hanno deciso di stanziare un piano assicurativo che copre tutti i dipendenti, anche quelli in smart working, dal contagio del Covid-19.

Coronavirus, Rana aumenta gli stipendi e "dona" 400 euro per la babysitter
GIovanni Rana e il figlio Gian Luca

Questo è quello che ha deciso l’azienda pastificio di Giovanni Rana. Una buona notizia, finalmente, in un periodo difficile da affrontare per tutti noi.