Coronavirus: le televisioni rivoluzionano i palinsesti, ma non ci saranno però clamorose iniziative per il reality

Coronavirus

Coronavirus e televisione. Con i programmi di approfondimento sull’emergenza che da qualche giorno stanno prendendo la scena. E i palinsesti che cambiano o vengono addirittura stravolti.

Tante le novità che si accavallano nelle ultime ore. Dall’introduzione di intrattenimento per i bambini e i giovani con le scuole chiuse, alle varie trasmissioni di attualità per informare i cittadini sull’epidemia che sta scuotendo l’Italia.

Nelle ultime ore tante sono state le voci anche sul Grande Fratello Vip. Il programma presentato da Alfonso Signorini con l’aiuto degli opinionisti Wanda Nara e Pupo sta avendo un buon successo.

Anche se gli ascolti non sono stati da record il pubblico ha cominciato ad appassionarsi sulle storie dei concorrenti rimasti in gara. Con la lite tra Antonella Elia e Valeria Marini che tiene banco. Le polemiche all’esterno non sono però mancate.

–> Leggi anche Coronavirus, lo studio: nell’aria per 30 minuti e viaggia per 4,5 metri

Ci si chiede se è giusto in un periodo di emergenza tenere in vita il programma

Coronavirus e Grande Fratello Vip. Nelle ultime ore non sono mancate di certo le polemiche contro la trasmissione. In tanti hanno criticato la scelta di far andare avanti il programma in un periodo così grave per il paese.

Con i concorrenti quasi all’oscuro di tutto e con le famiglie all’esterno. Una realtà all’interno della casa che cozza con quella che si vive all’esterno. Ma al momento non sembrerebbero esserci delle decisioni drastiche all’orizzonte.

La trasmissione dovrebbe andare avanti. Ma con una novità per lo studio. Innanzitutto non ci sarà il pubblico in sala per una questione di sicurezza per la salute. Ma si passerà da Roma a Milano.

Non più nella capitale, dunque. Ma dagli studi di Cologno Monzese. Da dove va in onda il programma di Chiambretti per intendersi.

–> Leggi anche Coronavirus: il numero dei contagiati in Italia sale a 10.149 persone totali

Coronavirus

Un cambiamento in corso che non ha trovato ancora spiegazioni, ma che al momento rimane unica certezza sul proseguo del programma.

–> Leggi anche Coronavirus, in aumento il lavoro da casa: ecco cos’è lo smart working