Circa una persona su cinque sviluppa allergie. Le allergie si manifestano quando il sistema immunitario reagisce in modo eccessivo a una sostanza altrimenti innocua nota come allergene.

allergia

Questa reazione può essere lieve come uno starnuto o mortale come uno shock anafilattico. Il modo migliore per ridurre i sintomi dell’allergia è evitare gli allergeni. A cosa potresti essere allergico?

Animali domestici

Notate starnuti, tosse, occhi rossi e acquosi o eruzioni cutanee ogni volta che un animale domestico peloso è vicino a voi? Se è così, è probabile che tu sia una delle tante persone che soffrono di allergia alla peli di animali domestici.

Il pelo di un animale domestico è una miscela di proteine contenute nella pelle e nella saliva di un animale, quindi anche un gatto o un cane senza peli potrebbero scatenare delle allergie. Provate a passare l’aspirapolvere più spesso o utilizzare un sistema di filtraggio dell’aria nell’ambiente domestico.

Scarafaggi

Come se ne servisse uno, ecco un altro motivo per odiare gli scarafaggi: Possono causare reazioni allergiche come starnuti, tosse e prurito agli occhi, al naso, alla bocca e alla gola. Le proteine negli escrementi di scarafaggio, nella saliva e nelle appendici sono allergeni per alcune persone. Alcuni ricercatori danno la colpa agli scarafaggi per l’aumento del tasso di asma negli ultimi 30 anni.

Lattice

Il lattice è ovunque. Si può trovare nei guanti medici, nei preservativi, nelle bende adesive e anche in dispositivi medici come cateteri e apparecchiature per l’anestesia. Le reazioni allergiche al lattice possono essere gravi, anche fatali, anche se questo è raro. Altri sintomi includono prurito, naso chiuso, orticaria, respiro affannoso e difficoltà respiratorie. Più si è stati esposti al lattice, più è probabile che si sviluppino allergie al lattice.

Nichel e oro

Se gli orecchini fanno prudere i lobi delle orecchie o la collana provoca un’eruzione cutanea intorno al collo, è possibile che si sia allergici all’oro o al nichel. Potreste notare arrossamenti, eruzioni cutanee, macchie secche o gonfiori. Se non trattate, queste allergie possono rendere la pelle scura, coriacea e screpolata. Alcune persone con reazioni estreme al nichel dovrebbero anche evitare cibi pieni di nichel, come pesce e cioccolato.

Colorante alimentare

Se si nota orticaria, pelle che prude, respiro affannoso, vomito o diarrea dopo aver mangiato cibi tinti di rosso, arancione, rosa o viola, si può avere una rara allergia al colorante alimentare rosso. La causa della reazione è la cocciniglia in gravidanza, che vive di fichi d’India dall’Arizona al Sud America e, in particolare, del loro pigmento. Anche se rare, le allergie al colorante rosso possono essere estremamente gravi.

Insetti

Se una puntura di insetto si sviluppa in gonfiore, nausea, prurito, orticaria, stanchezza o febbre, è possibile che ci sia una lieve reazione allergica in atto. Alcune allergie agli insetti sono più gravi e possono includere la grave reazione allergica nota come anafilassi, che produce sintomi come gonfiore del viso, della bocca, della lingua, della gola, e altri sintomi gravi come difficoltà di respirazione e bassa pressione sanguigna.

Medicinali

Molte persone hanno reazioni allergiche a farmaci che vanno da quelle lievi a quelle pericolosi per la vita. Anche se alcune reazioni lievi possono essere trattate con antistaminici o steroidi, la maggior parte dei medici suggerirà di interrompere l’assunzione del farmaco. Il vostro medico potrebbe trovare un farmaco sostitutivo al quale non siete allergici.

Cosmetici

Avete mai provato bruciore, prurito alla pelle o orticaria dopo esservi truccate? Una persona su quattro riporta questo tipo di reazione cutanea da prodotti di bellezza. Queste reazioni non si limitano al trucco: reazioni allergiche ad acque di colonia, profumo o shampoo possono avere risultati simili.

Cibi

Avete mai sentito la gola stretta o la lingua gonfiarsi dopo aver mangiato qualcosa? Vertigini, difficoltà respiratorie o prurito? Potreste aver avuto una reazione allergica a un alimento. L’allergia alimentare colpisce circa il 4% degli adulti e un po’ di più dei bambini. I sintomi delle allergie alimentari possono anche includere tosse, vomito, colorazione della pelle pallida o blu, shock e la condizione potenzialmente pericolosa nota come anafilassi. Alcuni allergeni alimentari comuni includono uova, latte, latte, arachidi, noci, pesce, crostacei, grano e soia.

Acari

Gli acari della polvere sono allergeni comuni nella maggior parte del mondo occidentalizzato. Questi microscopici acari vivono nei cuscini, nei materassi e nei tappeti delle camere da letto e si nutrono di pelle morta. Per evitare il proliferarsi di questi animaletti, l’ambiente dovrebbe essere lavabile e facilmente pulibile. Lavare le lenzuola in acqua calda aiuterà anche a tenere a bada le allergie agli acari della polvere.

Muffe

Se vi trovate spesso con naso che cola, starnuti, respiro affannoso, prurito alla gola e occhi irritati, potreste aver sviluppato un’allergia alle muffe. Poiché le muffe hanno bisogno di molta umidità per sopravvivere e crescere, la maggior parte vive in zone umide o bagnate. Bagni e seminterrati sono le aree principali in cui si sviluppano all’interno della casa. Una buona ventilazione nei bagni e nei seminterrati aiuta ad asciugare le aree e prevenire la crescita delle muffe.