La cellulite è il più comune inestetismo a cui una donna possa andare incontro. Ma è davvero così “naturale” che una donna ce l’abbia? Scopriamolo insieme tra miti, leggende e ricerche scientifiche su un fenomeno popolare senza tempo.

cellulite 3

Cellulite è il termine dato alla pelle che presenta delle “fossette” sull’addome, glutei e cosce della maggior parte delle donne adulte sane. Poiché è quasi universale nelle donne adulte, è considerata normale. Tuttavia, i responsabili marketing e Hollywood hanno influenzato la cultura popolare a credere che la pelle a buccia d’arancia sia in qualche modo sgradevole.

Segni della cellulite

La cellulite, che è composta interamente da cellule grasse normali, non è necessariamente un segno di obesità, inattività o cattiva salute. Poiché le donne hanno tipicamente più grasso sottocutaneo rispetto agli uomini, è ragionevole aspettarsi che le donne abbiano più cellulite.

Cause della cellulite

Le nuove tecnologie digitali 3D hanno contribuito a mostrare come la cellulite sia causata da depositi di grasso che si trovano tra le fibre di collagene. La pelle nelle aree della cellulite sembra confezionare i lobuli di grasso in modo diverso e più in superficie rispetto alla pelle non colpita. Il motivo di questo non è ancora chiaro.

Fattori di rischio che non si possono controllare

Essere una donna sembra essere il principale fattore di rischio per la cellulite. Solitamente è più evidente nelle donne adulte in sovrappeso dopo la pubertà. Anche i cambiamenti ormonali, come durante la gravidanza o nel corso della menopausa, possono favorirne la comparsa.

Fattori di rischio che si possono controllare

Anche se una prevenzione totale potrebbe non essere possibile potrebbe non essere possibile, è ragionevole perseguire uno stile di vita sano. Dormire bene, seguire una dieta equilibrata e ricca di frutta, verdura, noci e cereali integrali, insieme a della sana attività fisica terrà lontana quanto più possibile la cellulite.

L’abbronzatura aiuta a nasconderla?

La ricerca dell’abbronzatura, sia con la luce del sole che con fonti artificiali di raggi ultravioletti, per mascherare l’aspetto della pelle a buccia d’arancia è una perdita di tempo insensata e costosa che può anche peggiorare la situazione. Inoltre, la luce ultravioletta è un importante fattore di rischio per il cancro della pelle.

Perdere peso aiuta a combatterla?

Sembra un controsenso, ma la perdita di peso non sempre migliora l’aspetto della pelle a buccia d’arancia. Infatti, in alcuni individui, la perdita di peso può inficiare in modo negativo sul trattamento della cellulite.

Possibili rimedi contro la cellulite

 

cellulite 2

Creme al Retinolo

Nell’esaminare i nuovi potenziali trattamenti per la cellulite, bisogna essere molto critici nel valutare la qualità di un particolare studio e le probabilità che i risultati siano riproducibili. Poiché ci sono così tanti trattamenti diversi disponibili per la cellulite, sembra davvero difficile che ci sia una grande differenza fra tutti questi prodotti. Ad esempio, è improbabile che l’applicazione di una crema sulla superficie della pelle possa influenzare le cellule adipose dermiche sotto la pelle o che possa produrre un cambiamento quantificabile della pelle che possa mimetizzare la cellulite.

Creme alle erbe

Le creme a base di erbe i cui produttori sostengono che riducono l’aspetto della cellulite soffrono delle stesse carenze delle creme di cui sopra. Non esistono studi scientifici che dimostrino che possano penetrare abbastanza in profondità da avere un effetto reale. Tuttavia, alcune delle creme contengono sostanze chimiche che potrebbero produrre reazioni allergiche in alcune persone.

Massaggio/aspirazione

L’applicazione di dispositivi che premono o “succhiano” la pelle (lipomassaggio) per produrre un miglioramento duraturo; in realtà sembra meno un trattamento per la cellulite e più una tecnica efficace per migliorare la situazione economica delle spa dove queste tecniche sono promosse. Tuttavia, una è stata approvata dalla FDA per una riduzione temporanea della cellulite. Quando si smette con i trattamenti, tuttavia, la cellulite tornerà probabilmente. È improbabile che questi dispositivi possano essere dannosi, quindi se è un’esperienza piacevole e te la puoi permettere, perché no?

Radiofrequenza

I dispositivi che producono calore e proiettano onde radio nel derma (uno strato di pelle), presumibilmente distruggendo le cellule adipose, sono molto popolari. Sono definiti “non invasivi”, il che significa semplicemente che è improbabile che danneggino gli strati più superficiali della pelle. Possono produrre risultati temporanei, anche se la loro utilità a lungo termine è discutibile.

Dispositivi laser

La luce laser può essere usata per distruggere le cellule adipose, ma il suo effetto sul miglioramento della cellulite rimane sconosciuto. Può fornire benefici temporanei.

Liposuzione

La liposuzione non è consigliata per trattare la cellulite perché il grasso che viene rimosso è sottocutaneo, al di sotto del livello in cui risiedono le cellule adipose che causano la cellulite. Occasionalmente può anche peggiorare l’aspetto della pelle a buccia d’arancia.

Mesoterapia

L’iniezione di sostanze chimiche nel grasso per scioglierlo è possibile. Tali sostanze chimiche sono facilmente disponibili e hanno avuto ottimi risultati negli studi sugli animali. Tuttavia, l’iniezione di qualsiasi sostanza nel punto preciso in cui si trovano le cellule di grasso che causano la cellulite sarebbe difficile. La FDA mette in guardia contro l’uso di queste procedure non approvate.