Un dubbio frequente in cucina è: si deve lavare il riso prima di cucinarlo, se si debba farlo sempre, mai oppure solo in determinati casi

si deve lavare il riso prima di cucinarlo usarlo quando
Riso

Tanti grandi chef di primo livello hanno avuto successo ad alcune ricette a base di riso. Il carboidrato bianco è infatti un alimento molto versatile che si adatta a molti piatti diversi, ma non solo. In Italia ed anche in giro per il mondo troviamo vari tipi di riso, come il Carnaroli, il Vialone, il Basmati, il Thai, il Jasmine, il riso rosso e il riso nero. Può essere utilizzato sia come primo che per svariati finger food, per arancini o supplì che come piatto unico assieme a della carne o delle verdure. Discorsi ricette a parte, il punto di partenza è sempre la fase pre-cottura. In quel momento si deve lavare il riso o no? È necessario dunque sciacquarlo? Lavarlo prima di passare alla sua cottura è necessario per eliminare del tutto l’amido intorno al chicco.

LEGGI ANCHE —> Mangiare riso in bianco fa bene o male | La risposta che scioglie i dubbi

LEGGI ANCHE —> Dieta: perdi 5 kg in 7 giorni con la dieta della mela e del riso

Si deve lavare il riso prima di cucinarlo | Occhio all’amido

si deve lavare il riso prima di cucinarlo usarlo quando
Riso

In questa maniera il riso diventerà più leggero e morbido, a seconda di come lo vogliate nella ricetta che volete preparare. Se volete procedere a preparare un risotto, non non passate mai il riso sotto l’acqua prima di metterlo in pentola. L’amido è infatti necessario a rendere il piatto più cremoso ed a regalargli la cosiddetta “onda“. La stessa cosa è valida per il sushi, a cui serve l’amido per avere la tipica consistenza dentro un nigiri o un uramaki. Altre ricette orientali come basmati o jasmine invece richiedono un lavaggio pre-cottura. Stesso discorso per le insalate o il riso al salto. Infine occhio a lavarlo sempre prima di un matrimonio altrimenti potreste macchiare gli abiti dei due sposini.