Il giovane aveva solamente 20 anni ed è morto a Torino, soffriva di anoressia ed i genitori denunciano che sono stati lasciati da soli, vediamo come mai.

Torino: morto di anoressia a 20 anni i genitori denunciano "Ci hanno lasciati da soli"
Torino: morto di anoressia a 20 anni i genitori denunciano “Ci hanno lasciati da soli”

Lorenzo Seminatori, questo era il nome del ragazzo che è morto di anoressia a solamente 20 anni, nella sua abitazione a Torino.

I genitori denunciano che in Italia non ci sono strutture e che sono stati lasciati da soli, ma vediamo che cosa è successo.

Torino: morto di anoressia a 20 anni i genitori denunciano

Lorenzo si è ammalato di anoressia a solamente 14 anni, ed il 3 Febbraio di quest’anno, dopo anni di lotta, si è spento nella sua abitazione a Torino.

Aveva solamente 20 anni, ed i suoi genitori, Francesca e Fabio, hanno deciso di denunciare quanto è successo al ragazzo.

LEGGI ANCHE —-> CORONAVIRUS, “BUCO” DI 13 GIORNI NELL’ALLERTA

Al Corriere della Sera, hanno fatto sentire la loro voce, dicendo che in Italia non ci sono strutture pubbliche dove i ragazzi o le ragazze che soffrono di anoressia possono essere curati.

Lorenzo si è ammalato a solamente 14 anni ed ha smesso di mangiare perdendo con molta velocità vari chili, dopo due anni, i genitori decidono di farlo ricoverare in un centro in Valle D’Aosta.

Riesce a recuperare un po’ del perso perso, ma con la maturità la situazione precipita nuovamente.

LEGGI ANCHE —-> NAPOLI, INCIDENTE TRA CAPODICHINO E TANGENZIALE: MORTO UN MOTOCICLISTA

Una volta che Lorenzo compie 18 anni, può decidere da solo se farsi curare o meno, ed i genitori non hanno più il controllo sulla malattia, e muore a solamente 20 anni.

I genitori hanno fatto tutto quello che potevano per aiutarlo, e la mamma ha fatto presente che non tutti si possono permettere un centro privato per le cure.

Mancano i percorsi per aiutare le famiglie, ed una prevenzione nelle scuole, per questo tipo di malattie.

Torino: morto di anoressia a 20 anni i genitori denunciano "Ci hanno lasciati da soli"
In Italia non ci sono strutture pubbliche per aiutare chi soffre di anoressia

Lorenzo, continuava a coltivare la sua passione per la musica, in particolar modo per la trap, e le canzoni che scriveva le pubblicava su YouTube.

Il nome che utilizzava era “Once the killer”.