Afghanistan shock: alcuni uomini hanno ucciso l’husky che Sahba stava portando a passeggio nei boschi

Afghanistan

Afghanistan shock: la notizia l’ha postata direttamente Sahba, la proprietaria di un husky che aveva chiamato Aseman. Una storia incredibile e crudele, che mette in evidenza la situazione paradossale che sono costrette a vivere le donne in certi paesi.

Una condizione inaccettabile nella nostra era, e che pone in evidenza l’arretratezza mentale che vuole la donna privata della propria libertà. E in posizione di sottomissione rispetto all’uomo.

E in tutta questa brutta storia a farne le spese è stato un povero cane che è rimasto vittime della crudeltà e violenza di uomini senza scrupolo.

Sahba è una ragazza afgana di Herat, città che si trova ad ottocento chilometri dalla capitale Kabul. Aseman, che significa cielo, aveva avuto quel nome per via dei suoi occhi azzurri. Ma la sua giovane vita è stata spezzata da uomini senza cuore.

–> Leggi anche Alessia Marcuzzi irresistibile su IG: i video bollenti scatenano i fan!

Aseman ucciso probabilmente per via del lavoro della sua padrona. Malvista nel suo paese per il suo club sportivo

Afghanistan che vive ancora in uno stato di arretratezza culturale inaccettabile. E proprio per questo motivo Sahba è andata via dalla sua terra. A malincuore, ma non poteva più tollerare questo atteggiamento nei suoi confronti. Da tempo minacciata perché non era ben vista una donna che insegna sport ad altre donne.

E che va in bicicletta liberamente. Per questo le hanno fatto pagare la sua libertà con l’uccisione della piccola Aseman che aveva solo 7 mesi. Gli uomini che le hanno sparato le hanno detto che “una donna non può possedere un cane”. Ma lei sa che la verità è un altra. E che è stata costretta ad andare via dalla sua terra.

E’ quello che Sahba ha dichiarato alla BBC in un intervista che ha colpito e che ha fatto il giro del mondo.

–> Leggi anche Contrabbando sigarette: sequestrate 18 tonnellate dal mercato Napoli-Dubai

Afghanistan

Per lei la perdita di Aseman è stata grande. Amava quel cane che portava a passeggio tutti i giorni. L’uccisione da parte degli uomini nel bosco porta alla mente come detto la difficile situazione delle donne nel paese islamico.

–> Leggi anche Levante: “Distingui l’amore dal rumore”. E’ polemica contro Diodato?