Coronavirus: per la virologa, intervenuta a l’Aria che tira di Myrta Merlino, il Covid-19 arriverà anche in Italia

Coronavirus

Coronavirus anche in Italia. E’ quello che afferma la virologa Ilaria Capua. Che consiglia anche di organizzarci. Nella trasmissione L’Aria che tira, in onda su La7 e condotta da Myrta Merlino, ha tenuto banco il dibattito sul virus che è stato denominato dall’OMS Covid-19.

L’argomento è quello del giorno, e prende le prime pagine dei telegiornali, ma anche di trasmissioni che fino a poco fa si interessavano principalmente di politica e poi di fatti di attualità e cronaca.

Stamattina in collegamento con lo studio anche la virologa Ilaria Capua che ha voluto mettere tutti in guardia sui rischi che ben presto si correranno anche nel nostro paese. Anche se adesso la situazione è sotto controllo, per l’esperta i danni arriveranno anche nel nostro paese.

Il virus secondo la virologa resta per molto tempo in fase di incubazione, per poi esplodere e manifestarsi nella fase acuta.

–> Leggi anche Isabella Ferrari, la camicetta sbottonata esalta i fan: “Sei meravigliosa”

L’urologa: “Questa è un’infezione che arriverà in Italia, farà il giro del mondo, combinerà guai nei paesi poveri”

Coronavirus che potrebbe quindi arrivare anche nel nostro paese secondo la virologa Ilaria Capua. Che dichiara all’Aria che tira: “Ogni malattia infettiva ha un periodo di incubazione, durante il quale il soggetto infetto non mostra sintomi. Il contagio certo che avviene anche senza sintomi. Una persona che comincia a starnutire è infetta”.

Queste dichiarazioni dovrebbero far scattare un campanello d’allarme e pensare di trovare al più presto delle contromisure per sconfiggere questo virus. Rimedi che ad oggi non esistono.

–> Leggi anche Miriam Leone: sul letto senza indossare nulla con il gioco delle ombre-FOTO

Le dichiarazioni successive della virologa sono ancora più allarmanti: “Questa non una cosa che andrà via in una settimana, questa è un’infezione che arriverà in Italia, farà il giro del mondo, combinerà dei guai nei paesi più poveri e quindi bisogna organizzarsi”.

Dichiarazioni che spaventano i cittadini che sperano si possano trovare al più presto dei rimedi al possibile contagio.

–> Leggi anche Napoli: 19enne non si ferma all’alt e sperona l’auto dei carabinieri