Scenari meteo decisamente preoccupanti quelli prospettati dagli esperti dell’ECMWF per quanto riguarda l’estate 2020 che potrebbe avere temperature da record e non solo

Meteo estate 2020 calda temperature record
Meteo estate 2020

Il mese di gennaio e questo inizio di febbraio hanno fatto segnare temperature particolarmente elevate e soprattutto con precipitazioni davvero scarse in quasi tutta Italia. Secondo gli esperti, tutto questo starebbe facendo presagire a una prossima estate da record diventando probabilmente la più calda degli ultimi 100 anni. Su questo punto non sembra avere il minimo dubbio il Centro Metereologico Europeo di Reading che anzi è entrato nel dettaglio della possibile situazione che potrebbe riguardarci tra non molti mesi. A giugno e luglio protagonista indiscusso sull’Italia dovrebbe essere l’anticiclone nord-africano. Questo significherebbe temperature medie molto alte, ancor di più rispetto a quelle del 2003, finora l’estate più rovente mai registrata.

LEGGI ANCHE —> Meteo: settimana con caldo record fino a 27 gradi. Poi arriverà la neve

LEGGI ANCHE —> Caldo record in Antartide: temperature fino a 18 gradi, ghiacciai a rischio

Meteo estate 2020, caldo record e fenomeni atmosferici eccezionali

Meteo estate 2020 calda temperature record
Meteo estate 2020

Il dato in questione potrebbe non essere l’aspetto più preoccupante potrebbe presentarsi sul nostro Paese. I fenomeni atmosferici particolarmente rilevanti durante l’estate 2020 che potrebbero prospettarsi sarebbero diversi, tra cui trombe d’aria o “bombe d’acqua”. Fatti che con il passare degli anni abbiamo ormai imparato a conoscere ed a conviverci nonostante siano classificati come eccezionali. Nel frattempo il caldo da record di questo mese non è un’esclusiva solo dell’Italia, ma comune ormai in tutta Europa. Si pensi che in alcuni parti meridionali del Vecchio Continente come Algarve, Andalusia e Sud Italia alcune specie di piante sono già fiorite, mentre lo scarso gelo di questo inverno consentiranno alle zanzare di riprodursi con molti mesi di anticipo rispetto alla normalità.