Turchia: terribile tragedia che colpisce lo stato di Ankara che dopo le vittime del terremoto adesso conta altri morti

Turchia

Turchia senza pace. Dopo le vittime del sisma di fine gennaio scorso e quello delle ore scorse, una nuova tragedia ha colpito lo stato di Ankara. Si tratta di una valanga che ha travolto un gruppo di persone nella provincia di Van. Nello specifico si parla del distretto di Bahcesaray. Travolto anche il mezzo dei soccorritori che tentava di salvare le persone coinvolte nella valanga.

Da segnalare che nella scorsa notte una forte scossa di terremoto aveva colpito ancora una volta il popolo turco. Che pare non riesca a trovare un po’ di tranquillità a causa dei forti sismi che stanno mettendo a dura prova la stabilità delle persone. Che si ritrovano a vivere un incubo da alcune settimane.

Probabilmente proprio a causa del sisma e delle scosse che a ripetizione si registrano sul territorio si è verificata la valanga.

–> Leggi anche Sanremo, le pagelle: giù Morgan e Rita Pavone. Top Masini e Irene Grandi

Senza sosta le operazioni di ricerca dei dispersi. Sotto la neve almeno altre dieci persone

Turchia

Turchia con il fiato sospeso. La catastrofica valanga ha prodotto al momento 26 morti. Sarebbero una decina invece ancora le persone sotto la neve. Con le operazioni di ricerca che continuano senza sosta. Encomiabile il lavoro dei soccorritori che hanno estratto e salvato una trentina di persone.

Anche il peggioramento delle condizioni del tempo non sta agevolando i soccorsi. Imponente il servizio messo a disposizione per le opere di salvataggio dei dispersi. Secondo le autorità turche infatti sarebbero più di 150 i soccorritori che con l’aiuto di una trentina di mezzi stanno lottando contro il tempo per cercare di recuperare tutte e 10 le persone che mancano all’appello.

Nelle prossime ore ci saranno degli aggiornamenti che faranno capire a che punto sono arrivate le ricerche. Si teme però che con il passare delle ore e il sopraggiungere della sera e con il peggioramento delle condizioni del tempo tutto sia più difficile.

Per questo motivo si lavora senza sosta e a mani nude per tentare di salvare altre vite.

–> Leggi anche Madonna, la scollatura è ampia: “Ricordando il tempo libero per un selfie”