Asl Verona shock: sembrava una fake news, invece è tutto vero, con il modulo scaricabile dal sito!

Asl Verona shock

Asl Verona che potrebbe finire nella bufera per un certificato online. In pratica – secondo quanto si legge dal sito dell’azienda sanitaria del capoluogo veneto – i rischi per la salute di una tac sono pari a quelli di un soggiorno per un mese a Napoli.

Nel programma La Radiazza, che va in onda su Radio Marte (emittente locale campana), anche oggi il conduttore Gianni Simioli stava trattando temi di attualità. Come del resto fa tutti i giorni tanto che il suo spazio è molto ascoltato in tutta la Campania. Ad un certo punto della mattinata è arrivata la segnalazione di un ascoltatore. Con tanto di foto pubblicata da Simioli sulla sua pagina Facebook, il messaggio è un appello alla ribellione da parte dei napoletani:

“Ho avuto modo di venire a conoscenza di un gravissimo atto di razzismo istituzionale verso Napoli (uno dei tanti) che è riassunto benissimo in questo post. In pratica la Asl di Verona mette in guardia sui rischi di una tac paragonandola ad un soggiorno a Napoli! Il modulo è scaricabile dal sito della Asl”.

–> Leggi anche Pescara, protesta shock di un detenuto: si inchioda i genitali alla sedia!

Si temeva la solita fake news, ma andando sul sito dell’Asl ci siamo resi conto che è tutto vero!

Asl Verona shock

In un primo momento tutti hanno pensato che potesse trattarsi di una fake news, come del resto lo stesso Simioli aveva puntualizzato sulla sua pagina Facebook. Ma a quel punto, tra lo stupore e l’incredulità, anche noi siamo andati a controllare. E ci siamo resi conto che purtroppo l’ascoltatore aveva dato una segnalazione giusta. In pratica si tratta di un certificato scaricabile dal sito dell’Asl Verona e che riguarda l’ospedale di Legnago Mater Salus.

Nello specifico si fa riferimento all’UOC Radiologia. E nello specifico il certificato fa riferimento al modulo informativo e consenso all’esecuzione di esame TC Cone Beam (CBCT). Nello stesso certificato si specifica agli utenti sulle criticità che subisce il corpo umano in una tac o radiografia. Esami che non si potrebbero fare con una certa frequenza proprio perchè dannosi.

Ebbene, nelle spiegazioni (come si legge nella foto sopra) comprendere i “Micro Sievert” e i danni che queste ‘radiazioni’ possono causare si fa l’esempio “per radiazioni ambientali vivendo un mese a Napoli (il capoluogo con la massima dose ambientale annua in Italia)”. 

Ora, ammesso che le dosi di cui parla il certificato siano esatte, le persone si chiedono che necessità ci fosse per fare questo paragone e generare pensieri particolari nella testa dei veronesi e dei veneti? Si tratta di un documento che ha valore medico scientifico e non politico. Per questo difficile da comprendere questo esempio. E per questo di sicuro ci saranno delle polemiche.

–> Leggi anche Insigne senior nella bufera: in campo avrebbe minacciato l’arbitro di morte