Tumore al seno: non è vero che il reggiseno ne aumenta il rischio. La smentita da uno studio

Tumore al seno

Tumore al seno, una delle malattie più diffuse per la donna. Che attira l’attenzione di medici e di ricercatori. Ma purtroppo anche di false notizie e bufale intorno alla sua diffusione. In rete è difficile trovare notizie non veritiere, che purtroppo ingannano tante persone che non sono in grado di stabilire la veridicità di una fonte.

E soprattutto quando di mezzo c’è una malattia così grave, bisogna stare attenti a cosa si legge. Il consiglio è sempre quello di rivolgersi a personale medico per ogni dubbio o incertezza e mai affidarsi alla ‘rete’ per fattispecie così serie. Da non trascurare e pensare di avere sotto controllo solo grazie ad un ‘infarinatura’ di news lette sul web.

Per quel che riguarda il tumore al seno sono tante le notizie a riguardo. Quella che più ha destato inutili allarmismi è relativo al reggiseno che potrebbe aumentare il rischio di provocarne la diffusione. Tutto sbagliato. Sono gli stessi medici a smentire.

–> Leggi anche Ambra Angiolini offesa durante una sua diretta Instagram: “Sei noiosa”

Nessuna correlazione tra diffusione della malattia ed utilizzo del reggiseno

Tumore al seno

Come detto tante le bufale in rete. Soprattutto quella che accusava il comune intimo femminile allo sviluppo della malattia tra le donne. Studio del 1995 che non si basava su nessuna teoria scientifica. Il libro di Sydney Ross Singer e Soma Grismaijer del 1995 è stato smentito negli anni successivi non trovando appunto alcun fondamento scientifico.

Si sa invece che la malattia si sviluppa a causa di tre fattori come la familiarità, l’età e la presenza di mutazione ai geni. Unica medicina resta la prevenzione che può permettere nella totalità dei casi di intervenire in tempo senza correre particolari rischi.

Il controllo periodico è lo strumento maggiormente predicato dai medici per le donne che soprattutto dopo i trent’anni non devono assolutamente trascurare. Una due volte all’anno le percentuali per evitare che si possa manifestare qualche criticità. Che quasi sempre comincia con qualche nodulo o cambiamenti nel seno.

Altri sintomi di allarme la perdita ad una sola mammella o aspetto sospetto di una o entrambe le mammelle. In ogni caso, come ampiamente detto, mai fermarsi alle semplici letture sul web e consultare spesso il medico per ogni evenienza.

–> Leggi anche Regali di Natale: i libri da far trovare sotto l’albero a chi ama leggere