Ylenia Carrisi uccisa da un serial killer: i particolari mai conosciuti sulla vicenda della figlia di Al Bano e Romina Power

Ylenia Carrisi

Ylenia Carrisi, la figlia scomparsa di Al Bano e Romina Pawer, in questi giorni sta riempiendo le prime pagine di giornali e titoli televisivi. Si parla della giovane a pochi giorni di distanza della sua scomparsa. Il 31 gennaio saranno 26 anni dal giorno che di lei son si hanno più notizie certe.

Della sua morte certa nessuno ne può avere conferma. La più ostinata a credere che Ylenia sia viva è proprio sua mamma Romina che spesso ha dichiarato di aver avuto una conversazione con il testimone che parlò di suicidio. Affermando da quella chiacchierata che la descrizione fatta non combaciava con quella della figlia.

Adesso però ci sarebbero delle novità che riguardano il serial killer  Keith Jesperson che nel 1994 uccise una donna che si pensava fosse Ylenia. Nel 1997 il corpo della donna fu rinvenuto in Florida. Ma gli esami del dna dimostrarono che si trattava di un’altra ragazza uccisa dal serial killer.

–> Leggi anche Marco Mengoni: il noto cantante al supermercato con il possibile compagno

Ylenia potrebbe essere stata adescata dallo stesso serial killer nei pressi del Mississipi

Ylenia Carrisi

Dagli aneddoti sul caso del serial killer Jesperson portati alla luce dall’avvocato Melissa Moore si aprono scenari molto significativi e interessanti. Innanzitutto sul caso della ragazza morta nel 1997 che non è stato mai chiuso. Fu stabilito che non si trattava di Ylenia.

Ma si apprende anche che il camionista serial killer aveva ucciso quasi un centinaio di ragazze in quegli anni. E che purtroppo tra queste sia veramente potuta finire anche la povera Ylenia. Che è stata vista per l’ultima volta nei pressi del Mississipi a fare l’auto stop.

Quindi che sia stata adescata dal serial killer non sarebbe una ipotesi impossibile. Anche perchè nel camion dell’uomo, quello che utilizzava anche per trasportare le sue vittime, fu ritrovato un pacchetto di sigarette simile a quello che fumava la ragazza.

Mistero che si aggiunge al mistero, dunque. Con tante ipotesi e nessuna verità. Situazione che vede i due genitori portare due tesi completamente diverse. Romina crede che la figlia sia ancora viva. Al Bano che si sia suicidata.

–> Leggi anche  Allerta meteo: tempeste di vento in tutta Europa il 12 e 13 dicembre