Accadde oggi: nel 1941 l’attacco a Pearl Harbor. Morirono 2500 soldati

Accadde oggi

Accadde oggi: era il 7 dicembre del 1941, alle 7.48 del mattino quando un attacco kamikaze giapponese distrusse la flotta americana a Perl Harbor. Una delle stragi maggiormente significative della storia e che cambiò radicalmente le vicende della Seconda Guerra Mondiale. Quell’attacco tirò violentemente gli Stati Uniti dentro il conflitto con delle conseguenze irripetibili per l’umanità.

Fu un atto vigliacco e vile, che colpì di sorpresa le migliaia di soldati colpiti per la maggior parte nel sonno. Un’azione che scatenò la reazione degli americani che fino a quel momento avevano guardato il conflitto dall’esterno. Come detto furono tirati dentro senza potersi esimere. A Perl Harbor fu una vera carneficina, in pochi minuti furono uccisi oltre 2500 soldati.

Ad attacco concluso si poteva guardare all’orizzonte solo morti in un luogo dove fino a poco prima si viveva serenamente e si godeva il sole e le vacanze.

–> Leggi anche Ascolti tv 6 dicembre: vola in prima serata la coppia D’Alessio-Incontrada

Il triste bilancio: 2500 soldati uccisi, Flotta del Pacifico distrutta completamente

Accadde oggi

Un disastro che è stato reso celebre anche qualche anno fa dal famoso film su Perl Harbor che ha raccontato quei momenti terribili dell’attacco giapponese. E di una prima risposta degli Usa prima di arrivare all’attacco definitivo. Ma perchè il Giappone si macchiò di questa colpa inenarrabile? Semplicemente perchè voleva rendere impotenti gli Usa nella reazione ad attacchi nipponici verso Filippine e Indocina.

Mossa assolutamente sbagliata perchè da quel momento la reazione statunitense fu rabbiosa, e con l’entrata in guerra venne cambiato il corso della storia. Al fianco di Gran Bretagna e Russia uscirono vincitori dal più sanguinoso conflitto mondiale della storia. Guerra che contò milioni di vittime e che per la prima volta annoverò campi di sterminio e bomba atomica.

Quest’ultima fu lanciata proprio dagli Usa per rispondere definitivamente al Giappone che strenuamente opponeva resistenza e non si arrendeva. Con la distruzione delle città di Hiroshima e Nagasaki il mondo scoprì per la prima volta la potenza e la distruzione delle armi atomiche. Da quel momento non fu mai più la stessa cosa. Da Perl Harbor in poi il mondo ha cominciato a dover convivere con l’incubo atomica che ha preso piede su gran parte dell’Occidente e non solo.

–> Leggi anche Diletta Leotta si diverte con i guantoni da pugile in palestra – FOTO