Influenza, Influnet pubblica i dati: la diffusione del virus in forte aumento dal mese di ottobre

Influenza

Influenza in aumento dal mese di ottobre in Italia. Ma è soprattutto in questo periodo dell’anno che milioni di persone dovranno fare i conti con l’antipatico malore che costringe a starsene a casa in preda a nausea e a dolori. Con l’arrivo del freddo e con l’addio alle belle giornate il picco ogni anno aumenta a partire dall’autunno. E i dati di Influnet confermano anche in questo caso il trend rispetto al passato.

i dati di Influnet, con il supporto dell’Istituto Superiore della Sanità, sono inequivocabili. Dal mese di ottobre a casa con l’influenza sono state oltre settecentomila persone. Ma quello ancora più significativo è il dato relativo all’ultima settimana: 152 mila persone colpite dal virus. Come fare per evitare di incappare nel malanno più comune di sempre? L’unico rimedio attualmente efficace resta quello del vaccino. Soprattutto per i bambini maggiormente colpiti e più a rischio.

–> Leggi anche Fedez: dopo alcuni controlli ha scoperto di essere a rischio sclerosi multipla

Il rischio aumenta soprattutto per i piccoli di età compresa da zero a quattro anni

Influenza

Dando uno sguardo ai dati di Influnet si scopre che i più vulnerabili sono proprio i più piccoli e che i casi di influenza raddoppiano nella fascia età che va da zero a quattro anni. Come detto i dati fanno riferimento da ottobre alla scorsa settimana e analizzandoli appare evidente che il fenomeno è in crescita. Ci si aspetta un picco anche nel periodo di dicembre con tante persone a rischio nelle festività.

I dati fanno riferimento a tutto il territorio nazionale, dove le percentuali sono abbastanza costanti. Da Nord a Sud gli italiani vengono colpiti più o meno allo stesso modo. Con percentuali che si innalzano, come detto, per i bambini. Soglie più alte rispetto al resto del paese solo in alcune regioni. Ci si ammala di più, di poco rispetto al resto d’Italia, in Piemonte, Lombardia, Abruzzo e provincia di Trento.

In ogni caso la soluzione, per bambini ed adulti, è sempre la stessa. Quelle del vaccino che negli ultimi anni ha superato le reticenze iniziali con sempre maggiori utilizzi.

–> Leggi anche Roma, pacco bomba al Viminale: poteva deflagrare