Per alcune persone il periodo natalizio è un vero strazio, tra negozi super affollati e pranzi e cene con parenti mai visti prima, a volte è davvero difficile mantenere lo spirito natalizio

Luci colorate, musichette di Natale, tutto addobbato a festa.

Sentirsi felici e, proprio come nel film del 2000, il Grinch che è dentro di noi potrebbe fare capolino in questi momenti.

Il Grinch è un inquietante personaggio nato nel 1957 dalla fantasia dello scrittore e fumettista statunitense Dr. Seuss. Nel film il Grinch fa sparire tutte le decorazioni natalizie e tutti i regali ma, accorgendosi poi che nulla è valso ad eliminare la gioia e lo spirito natalizio, capisce che il significato del Natale è un altro: restituisce, quindi, ciò che aveva rubato e anche il suo cuore si apre alla gioia del Natale.

Uno studio condotto da un’equipe dell’università di Copenaghen e pubblicato sul British Medical Journal, ha spiegato che la parte del nostro cervello deputata al piacere, si “accende” durante il periodo natalizio. Ad alcune persone, però, tale processo non accade, soprattutto se al Natale sono legati ricordi spiacevoli o esperienze negative e quindi, in questi soggetti, il Natale provoca avversione e antipatia.